Archivi tag: voto utile

Coscienza tranquilla

Il voto utile di Veltroni nel 2008 contribuì a consegnare a Berlusconi una vittoria schiacciante e il comune di Roma ad Alemanno. Questa volta il voto utile di Bersani che effetti tende aRIVOLUZIONE CIVILE produrre?

Come se non bastasse l’anno di governo insieme a Berlusconi, Monti e Casini, la maggior parte del gruppo dirigente del Pd, con la capitolazione di Vendola (ma quando c’era mai stata battaglia?), ha da tempo definito i contorni della prossima maggioranza: alleati di Monti e della sua coalizione.

Rivoluzione Civile con Ingroia non ci sta e questa non sudditanza alle regole non scritte della politica, regole ferree che impongono la subordinazione alle logiche della Borsa e della Finanza, fa paura perché lor signori sanno benissimo che dire “no” a questo patto scellerato significa costruire concretamente un’alternativa non tanto al sistema di alleanze, quanto al modello economico e sociale che essi ritengono imprescindibile e immodificabile.

La proposta politica di Rivoluzione Civile è pericolosa perché non ammantata da alcun velo di anti politica, perché, anzi, l’antipolitica viene considerata per ciò che effettivamente è: il modo per far si che nulla cambi.

Rivoluzione Civile viene allora accusata di estremismo, ma il punto vero è che il centrosinistra, ovvero quella parte che dovrebbe essere alternativa a Berlusconi, ma che così vuole apparire solo al momento delle campagne elettorali, ha bruciato troppi vascelli alle proprie spalle, ha praticato omologazione e trasformismo con troppo piacere e non solo non ha avversato le politiche neo liberiste e di centro destra, ma, di più, in esse si è immedesimata.

La scelta tra Pd e Pdl, da tanto ce lo diciamo, è di fatto una scelta tra candidati e programmi indistinguibili dal punto di vista delle politiche economiche, di quelle internazionali, sul prelievo fiscale, sui servizi sociali, sul tema della pace e dei diritti civili. Rivoluzione Civile e Ingroia, sono, invece, diversi, e questa diversità va combattuta in modo concentrico da tutti gli schieramenti, anche da chi, come Grillo, fa dell’antipolitica la cifra del proprio messaggio politico.

La battaglia a tutto campo va condotta contro la corruzione materiale e morale di cui si nutre “il sovversivismo delle classi dirigenti”, una battaglia generazionale che deve essere condotta da una sinistra in grado di scrollarsi di dosso il senso di inadeguatezza, il complesso che deriva dall’essere alleata al Pd in molti territori, una battaglia a viso aperto correndo il rischio di essere ancora definiti estremisti o, nel miglior dei casi utopisti, sapendo che quando si indica la luna solo lo stolto guarda il dito.

Trovo illuminante per questa nostra esperienza politica il brano di un articolo di un grande italiano che meriterebbe molta più attenzione di quella che generalmente gli viene attribuita, Luigi Pintor: “in fin dei conti non ci affidiamo ad altro che ad un lavoro collettivo; a una passione militante; a ciò che molti chiamano utopia ed estremismo, e noi fiducia nelle masse e tranquilla coscienza”.

Siamo sereni, la coerenza e l’impegno per elevare le condizioni materiali dei propri simili sono azioni meritorie e noi di Rivoluzione Civile, sacrificando tempo ed energie per condurre questa campagna elettorale controcorrente perché censurata e osteggiata dai poteri forti, possiamo affermare con ragionevole certezza che queste azioni meritorie le stiamo realizzando, sapendo, inoltre, che il nostro agire il cambiamento è la massima ricompensa che chiediamo e che vogliamo ottenere. Chi può dire altrettanto?

Eugenio Pari

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,