Archivi tag: pubblico

La risposta non è la sussidiarietà

Rimini, 11.10.2011

Comunicato stampa

DICHIARAZIONE DI EUGENIO PARI (COORDINATORE SEL RIMINI). ALLA PETITTI: LA RISPOSTA NON E’ LA SUSSIDIARIETA’

 

La neo segretaria del Pd Emma Petitti, a cui rivolgo peraltro un sincero augurio di buon lavoro, a fronte dei tagli al sociale sostiene che occorre ripensare il sistema del welfare locale e come pochi giorni fa  ha proclamato il Cardinale di Bologna Caffarra, anche lei sostiene che le politiche sociali debbano essere all’insegna della sussidiarietà.

Ora, da diversi anni a Rimini la sussidiarietà è diventata sistema e credo che a fronte della crisi economica che sempre più sta aumentando la frattura sociale ribadire che l’unica via d’uscita è la sussidiarietà significa partire da un principio di ineluttabilità della situazione. La risposta non è la sussidiarietà, ciò può valere per accattivarsi le simpatie della Curia, ma è necessario modificare le condizioni di fondo, perché altrimenti si accetta la situazione così com’è, anzi, la si condivide.

Occorre prima di tutto contrastare l’evasione fiscale, sostenere i redditi e le condizioni di vita dei cittadini più deboli ed esposti alla crisi, partire dai bisogni ribadendo la centralità del pubblico nel sistema del welfare.

Siccome sosteniamo che per promuovere politiche di coesione sociale occorrano più risorse pubbliche destinate al welfare locale e non tagli alla spesa e nemmeno esternalizzazioni, ci sono altre due questioni: non applicare l’addizionale IRPEF perché grava sui cittadini più esposti alla crisi, ossia lavoratori dipendenti e pensionati, rendendo insostenibile la pressione fiscale e applicare, come sempre abbiamo sostenuto, senza tergiversamenti la tassa di soggiorno che, da sola e stando alle dichiarazioni dell’assessore al bilancio, è in grado di coprire i tagli provocati dal governo.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,

Intervista del 02 febbraio su La Voce

EUGENIO PARI

Il pubblico? Ecco perché non funziona più”

Servizi in deficit per aver lasciato carta bianca ai monopoli”

di Fausta Mannarino, La Voce del 05 febbraio 2008

 

RIMINI – Ha detto basta al sistema cooperativistico così com’è e stop alla chiusura della sinistra a tutto quello che è privato. Si chiama Eugenio Pari, consigliere comunale del Pdci.

Un uomo di sinistra che dà il via libera al privato e dice basta alle cooperative. Cosa succede?

Sono partito da una considerazione. La sinistra oltre che stigmatizzare certi fenomeni dovrebbe creare un modello culturale diverso e rispolverare una cultura del saper fare. Si assiste ad un ripiegamento della sinistra ad un approccio troppo ideologico e poco legato alla volontà-. Le condizioni sono cambiate rispetto a un tempo quando lo Stato sociale non esisteva. In questo contesto, in cui assistiamo a un forte disgregamento del potere di acquisto, bisogna recuperare alcuni elementi come la mutualità.

Quindi per lei il servizio pubblico non funziona più?

Possiamo fare finta che funzioni ma non è così. Allora io dico: raccogliamo la sfida. La sinistra ha nel proprio Dna tutte le capacità per fornire e distribuire ancora questi servizi.

Quindi visto che il “pubblico” non funziona, inventiamo una scuola privata per ogni gusto?

Non voglio sostenere scuole diverse per ciascun gruppo. Ma dico: se non possiamo esprimere il mondo che vogliamo almeno cerchiamo di concretizzare qualcosa che ci porti in quella direzione. Questi sono i temi dell’attualità e non ideologia astratta. Basta alle incrostazioni ideologiche, bisogna ritrovare la funzionalità dello Stato, recuperare efficienze perdute sulla base di aspettative specifiche.

Perché il sistema cooperativistico non funziona più?

Credo che il mondo cooperativistico abbia scelto di abbandonare alcune esperienze come la mutualità e non si erge più a soggetto in grado di tutelare le classi più deboli. Si è preferito intraprendere il viaggio dei mercati finanziari. La ricerca del liberismo per il profitto.

Quand’è che la sinistra ha abdicato da queste sue funzioni?

Da quando ha smesso di fare la sinistra. Ormai da una quindicina d’anni. Se penso alle coop, sì, è vero, hanno i soci… Ma le politiche che perseguono sono tese più a ricercare l’utile che a distribuire i ricavi.

La sinistra deve ammettere gli sbagli e chiudere tutte le coop?

Quel che è accaduto, fa parte del passato. Da uomo di sinistra non posso limitarmi a guardare indietro o levare i pugni al cielo. La sinistra se non vuole rimanere passiva deve trovare risposte e costruire da sé una nuova realtà. Deve chiedersi: che funzione può ancora svolgere e in che modo il sistema cooperativistico?

Servizi in deficit qual’è stato l’errore?

L’aver lasciato mano libera ai monopoli senza intervenire. Si pensi ad Hera.

Contrassegnato da tag , , , , , , ,
Annunci