Archivi tag: PSC

I consiglieri Pari e Giovagnoli sull’inciucio Pd-Pdl

Il via libera in commissione del piano particolareggiato sull’area della ex colonia Murri fa arrabbiare i consiglieri di SEL che parlano di consociativismo e di un accordo Pd-Pdl per fini elettorali.

 RIMINI, 21 marzo 2011

Nelle sedute di commissione e di consiglio si sta procedendo verso un grave accordo tra Pd e Pdl già denunciato dal nostro candidato sindaco Pazzaglia. Un accordo volto a garantire gli interessi dei costruttori a tutto discapito della collettività.
In tre minuti questa mattina la commissione competente ha approvato il piano particolareggiato delibera che influenzerà il futuro di Rimini per i prossimi trent’anni e questo in primo luogo per puri motivi elettoralistici.
Questo modo di procedere sulla testa dei cittadini è frutto del consociativismo, come consociativo è stato il modo di governare gli ultimi dodici anni Rimini.
SEL a Rimini sta facendo una battaglia per impedire ulteriori cementificazioni che vanno a vantaggio di pochi e a discapito di molti, e questo, fra le altre cose, sarà il primo obiettivo che ci poniamo per dar vita ad un centrosinistra rinnovato, che dopo le elezioni ci dovrà vedere alternativi alle logiche di potere fin qui praticate.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

Nota sull’affidamento del Psc di Rimini a Campos Venuti

pari_campos_venuti

Eugenio Pari e Giuseppe Campos Venuti

Le qualità professionali e la conoscenza del nostro territorio di Tecnicoop sono fuori discussione. Il nome di Campos Venuti potrebbe essere una garanzia per rifondare le politiche di governo del territorio a Rimini, infatti nonostante la non più giovane età le sue idee di sviluppo e le modalità di pianificazione sono assolutamente all’avanguardia non solo in Italia ma anche in Europa. D’altra parte il fatto che il Prof. Campos Venuti sia stato docente di pianificazione nell’università di Berkeley segna precisamente il profilo internazionale del noto urbanista. Le sue qualità e capacità sono indiscutibili.
Tutto questo però non basta perché occorrono chiari e precisi indirizzi
politici se è vero che, come recita l’adagio popolare, “si lega sempre il
cavallo dove decide il padrone”. Occorre un chiaro e decisivo indirizzo
politico per segnare una svolta alla politica delle varianti e alla
contrattazione privato – pubblica a tutto svantaggio del secondo sugli usi del territorio. Spero di sbagliare ma non vorrei che a causa di project financing e Piano strategico ci si ritrovasse con uno strumento di pianificazione, regolazione e sviluppo del territorio all’avanguardia ma solo sulla carta e quindi impossibilitato nello sprigionare le proprie traiettorie di sviluppo sostenibile arginando la rendita immobiliare che, non solo a Rimini, sta prendendo il sopravvento sui cittadini.
Rimane irrisolta la contraddizione tra funzioni di governo del territorio
previste dalla legge e in capo al PSC e una contrattazione spiccia che consuma irrimediabilmente il territorio senza produrre alcuna ricchezza in termini di occupazione e investimenti duraturi prevista invece dai project che trovano il loro caposaldo ideologico nel misterioso e fumoso Piano strategico.

Contrassegnato da tag , , , ,
Annunci