Archivi tag: lavoro nero

Soldi rubati

Qui di seguito una serie di tabelle i cui dati sono tratti dalla ricerca fatta dalla giornalista Nunzia Penolope pubblicata nel libro “Soldi rubati” del 2011 edizione Ponte alle grazie, costo 14,60 euro. Un libro molto interessante, importante per capire meglio il paese in cui viviamo. Ne consiglio vivissimamente l’acquisto

http://www.ibs.it/code/9788862201612/penelope-nunzia/soldi-rubati.html

 

La scheda del libro

L’Italia è in stallo, i bilanci perennemente in affanno, la produttività arretra, gli investimenti latitano. Nel frattempo le cronache, così come i dati molto meno noti degli istituti di ricerca, ci raccontano di un’economia ogni giorno più inquinata, che sta affogando nell’illegalità. In questo libro – un’inchiesta che associa un’enorme documentazione di prima mano e un grande mestiere di divulgatrice – Nunzia Penelope raccoglie e classifica tutte le forme d’illegalità economica, risalendo al totale: quanto ci costano

la copertina del libro di Nunzia Penelope "Soldi rubati"

 ogni  anno l’evasione fiscale, il lavoro nero, gli abusi edilizi, la corruzione, la grande criminalità, il riciclaggio e gli altri reati finanziari? In che modo ciascuna di queste voci, e tutte assieme con le fitte relazioni che intrattengono, stanno divorando la nostra ricchezza? Come cambierebbe il Paese se l’illegalità tornasse anche solo ai livelli “fisiologici”? Quanti tagli alla sanità, all’istruzione, alle pensioni potremmo evitare? Le cifre sono da capogiro, e ci restituiscono in pieno la gravità della situazione: al contempo, tuttavia, ci dicono chiaramente che se mai riuscissimo a cambiar rotta avremmo un’Italia più ricca e più sana, con molte più risorse a disposizione per affrontare le sfide e i conflitti del prossimo futuro.

 Alcuni numeri sull’evasione in Italia

  • 270 miliardi l’imponibile evaso ogni anno;
  • Da 100 a 125 miliardi di euro l’anno il mancato introito per lo Stato;
  • 10 miliardi di euro il recupero dell’evasione nel 2010 in Italia che equivale al 10,4% dell’evaso. Alcune percentuali sul recupero dell’evasione in alcuni paesi d’Europa

 

Paese

Percentuale di evasione recuperata

Inghilterra

91%

Francia

87%

Belgio

84%

Spagna

81%

Romania

64%

Turchia

58%

Albania

34%

Grecia

31%

  •  Ciascun contribuente paga 3000 euro all’anno in più a causa dell’evasione;
  • Negli ultimi 30 anni il lavoro dipendente ha pagato tasse maggiori per 870 miliardi di euro.

 Il lavoro nero

  • In Italia è di 154 miliardi di euro la ricchezza prodotta dal lavoro sommerso, pari al 7% del PIL;
  • 52,5 miliardi l’imponibile sottratto al fisco, pari a 10,8 miliardi di tasse evase;
  • 2.996.000 i lavoratori in nero nel 2009.

 Le morti sul lavoro

  • 1050 morti sul lavoro nel 2009;
  • 1080 morti sul lavoro nel 2010;
  • 43 miliardi, pari al 3,21% del PIL, i costi degli incidenti per la collettività;
  • 6 miliardi gli indennizzi alle vittime pagati nel 2009;
  • 50.000 euro il costo medio degli investimenti necessari a un’impresa per azzerare gli incidenti.

 L’ambiente

  • 20 miliardi i costi per le casse pubbliche fra il 1994 e il 2004 per il dissesto idrogeologico;
  • 900 milioni il costo delle emergenze ambientali 2009 e 2010;
  • 25 miliardi la somma necessaria per rimettere a norma il territorio italiano;
  • 20,5 miliardi il fatturato delle ecomafie nel 2009.

 La contraffazione

  • 7,1 miliardi annui di fatturato in nero;
  • 130.000 posti di lavoro sottratti all’economia regolare;
  • 5,3 miliardi il gettito fiscale perduto
  • 18 miliardi il danno all’economia nazionale in termini di mancata produzione.

 La corruzione

  • 60 miliardi il giro annuo delle mazzette;
  • 35.000 euro la tassa tangente e debito per ogni cittadino;
  • 600 milioni il valore delle truffe nella sanità nel 2010.

 Le rapine del capitalismo

  • 62 importanti crac finanziari in Italia dal 1984;
  • 54,8 miliardi i risparmi bruciati, pari al 3,6% del PIL;
  • 1.490.000 gli investitori traditi dal capitalismo di rapina;
  • 62 miliardi l’indebitamento di comuni e province italiane, pari a 1300 euro per abitante e 4% del PIL;
  • 36 miliardi l’esposizione degli enti locali sui prodotti finanziari derivati.

 Colletti bianchi, profitti neri

  • 550-700 miliardi di euro lo stock di capitali italiani nascosti all’estero;
  • 100-150 miliardi il valore annuo del riciclaggio in Italia;
  • 10,5 miliardi di euro le esportazioni illegali di denaro intercettate dalla Guardia di finanza nel 2010;
  • 37.000 le segnalazioni di operazioni sospette di denaro arrivate alla Banca d’Italia nel 2010.

 Le mafie

  • 100-135 miliardi il fatturato delle varie mafie italiane, pari al 10% del PIL nazionale;
  • 45 miliardi il fatturato della sola ‘ndrangheta, di cui 27 da traffico di cocaina;
  • 9 miliardi il business delle estorsioni;
  • 20 miliardi il business dell’usura.

 La giustizia

  • 4 miliardi recuperati dalle procure negli anni 2009 – 2010 attraverso indagini, sequestri, intercettazioni, patteggiamenti;
  • 268 milioni il costo delle intercettazioni nel 2009;
  • 16 miliardi il patrimonio complessivo dei beni confiscati alle mafie al gennaio 2011;
  • 900 milioni il taglio della finanziaria alla giustizia.
Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , ,

Lettera aperta sul fenomeno mafia a Rimini

Rimini, 27 febbraio 2011
Nella prima metà degli anni ’80 l’allora sindaco di Rimini Zaffagnini, in occasione di una conferenza del Pci lanciò un allarme sul pericolo di infiltrazioni mafiose nel territorio riminese.

Eugenio Pari

Nel 1993 il Giudice Morosini, in occasione di una pubblica conferenza sulla relazione della Commissione antimafia, snocciolò una serie di dati sul fenomeno di infiltrazione mafiosa nel nostro territorio, in quell’occasione il direttore di un quotidiano locale gli spiegò “che quei dati era meglio non pubblicarli perché avrebbero creato un allarmismo nocivo all’immagine turistica”.

Nel 1995 il Dipartimento investigativo antimafia aveva segnalato alle Istituzioni locali la presenza di più di 2.000 tra boss e affiliati in Emilia Romagna.

Da anni, questi episodi riportati lo testimoniano, il fenomeno dell’infiltrazione mafiosa a Rimini è una preoccupante realtà. Per molteplici motivi le amministrazioni e le istituzioni locali hanno fornito risposte francamente al di sotto della portata del problema. Amaramente prendiamo atto di una impasse delle istituzioni, però la società civile non è stata ferma così va riportata l’attività di associazioni come “vedo sento e parlo”, dei giovani che periodicamente si recano a lavorare volontariamente nei terreni confiscati alla mafia e di autorevoli studiosi come il Prof. Ennio Grassi. È proprio il caso di dire che la società è molto più avanti e vigile dell’intera classe politica.

Il problema della criminalità organizzata è un problema che va al di là delle divisioni politiche, un problema che investe tutta la società e le sue componenti partendo dalle associazioni economicamente più rappresentative come quelle datoriali, del commercio e dall’intero settore bancario. Per iniziare a contrastare la criminalità organizzata bisogna prima di tutto far rispettare le normative esistenti come il codice dei contratti pubblici (D.L. 163, art. 118, comma 11) che obbliga gli appaltatori e le committenze alla trasparenza e rimanendo nel campo dell’applicazione legislativa contrastare risolutamente le forme di lavoro nero e grigio, il dispositivo della legge regionale sul contrasto alla criminalità organizzata fa leva sull’applicazione di questa norma.

Occorrerebbe altresì riuscire a controllare la filiera dei flussi di denaro che per motivi di vicinanza rispetto alla Repubblica di San Marino rende molto appetibile dal punto di vista logistico la nostra realtà per le organizzazioni criminali. Occorre sostenere una cultura della legalità, nelle giovani generazioni e nella classe imprenditoriale. Scegliere di stare dalla parte della legge deve essere un percorso sostenuto dalle istituzioni locali. In questo senso credo che un primissimo passo delle istituzioni locali potrebbe essere la reintegrazione del corso di Storia della criminalità organizzata che, invece, è stato annullato presso la sede universitaria di Rimini, un corso che era seguitissimo e tenuto da uno dei massimi esperti del settore il Prof. Ciconte.

Le ragioni di questa piaga sono note, sostenere che per contrastare questo fenomeno bastano gli anticorpi della collettività riminese è autoconsolotario ed errato, perché è nella comunità riminese che le organizzazioni criminali stanno dilagando. Infine una citazione del Magistrato Pier Camillo Davigo: “ la criminalità organizzata è vendita di protezione privata, mentre la corruzione è vendita di poteri pubblici. L’Italia rischia di diventare il primo paese occidentale in cui la corruzione è arrivata a un livello che gli specialisti definiscono di state capture: questo significa che uno o più soggetti privati prendono il sopravvento sull’esercizio del potere decisionale dell’agente pubblico”.

Non serve più lanciare allarmi o sostenere che occorrono iniziative, oppure, ancora, fare appello agli anticorpi sociali dei riminesi, occorrono iniziative da parte delle Istituzioni locali ora e subito.

Eugenio Pari

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , ,

Le schiave della Romagna

di Federico Formica e Matteo Marini (18 giugno 2010) – http://espresso.repubblica.it/dettaglio/le-schiave-della-romagna/2129327//0

Guadagnano meno di mille euro al mese. Lavorano 14 ore al giorno, senza mai un turno di riposo. E pagano anche il pizzo ai mediatori che le portano in Italia. La verità sulle “stagionali” negli alberghi fra Rimini e Cervia

Il tavolino è di quelli da giardino, di plastica bianca, a poco prezzo. Sopra la tovaglia color senape c’è il “Piccolo manuale informativo per i lavoratori stagionali, comunitari e non”: fotocopie di articoli di cronaca e accanto le tabelle con le tariffe aggiornate divise per categoria di hotel e mansioni. Di fronte c’è il cavalletto con le “civette”, anche queste bilingue, “informazioni sindacali” si legge. È da questo angolo quasi invisibile del corso di Gatteo a Mare che sono venute alla luce le testimonianze dello sfruttamento e della tratta dei lavoratori dall’Est Europa fino alle spiagge della Romagna.

La videoinchiesta Dalla Romania a Cesenatico: ecco come funziona la tratta

Quattro sere a settimana Sandra prende posto in via delle Nazioni, che divide Cesenatico da Gatteo a Mare, in quel breve tratto di costa rimasto sotto la provincia di Forlì-Cesena. È cominciato tutto quando lei, che ora lavora in un’industria che produce piadine, faceva la stagione come donna ai piani, a pulire le camere. Veronika, la sua collega romena le raccontò quanto prendeva al mese: 950 euro. Cinquanta euro meno di lei, ma lavorando il doppio. Un orario da schiava, 12 ore al giorno. Nei periodi di piena, come nella settimana di Ferragosto, anche di più. Così Sandra ha deciso di informare i lavoratori stagionali sui loro diritti, soprattutto gli stranieri che arrivano qui ogni anno ad aprile e che poi a settembre tornano a casa. Nei decenni del “boom”, fino alla fine del ‘900 parlavano sardo, calabrese, campano. Ora l’accento è quello dell’Europa dell’est. La maggioranza sono romeni, ma vengono anche da Moldavia e Polonia. Donne soprattutto, gli ingranaggi invisibili dell’enorme macchina del turismo di massa.

Con l’aiuto di Ercole Pappalardo, sindacalista della Filcams-Cgil di Cesenatico, si è documentata e in collaborazione con l’associazione Rumori sinistri, un collettivo che ha sede a Rimini, ha messo su il suo piccolo “ufficio”. I romeni che passano la sera, dopo una giornata interminabile fatta di pulizie, cucina, piatti e servizio ai tavoli, leggono l’invito nella loro lingua. Alcuni passano oltre perché non si fidano, altri si fermano e chiedono come possono fare per avere il sussidio di disoccupazione una volta terminata la stagione, oppure quanto dovrebbero prendere realmente di stipendio in base al loro orario di lavoro. Sandra mostra loro le tabelle salariali e la maggior parte delle volte li invita a procedere con la vertenza. Scrivendo su un foglietto il numero di cellulare di Ercole

«Vedi, tu prendi 1.200 euro, ma lavori 13 ore, senza giorno libero», spiega a una ragazza, «Bene, se ci metti il giorno che non hai e gli straordinari che non ti pagano dovresti prenderne 3.500». Poi chiede loro di compilare una scheda, anonima, sulla quale registra i loro dati. Età, provenienza, anno di arrivo in Italia e stipendio. In due anni Sandra ha raccolto 245 testimonianze. La maggior parte sono donne romene, impiegate per le pulizie delle camere, servizio in sala o aiuto cucina. Quasi tutte hanno pagato per trovare un contratto in Italia. Prima dell’entrata della Romania nell’Unione europea le tariffe potevano arrivare anche a 1.000 euro. Ora pagano dai 400 ai 750 a degli intermediari che hanno contatti con gli hotel di tutta la Romagna, ma anche in Trentino per la stagione invernale. Secondo uno studio dell’Osservatorio nazionale sul turismo di Federconsumatori, l’Emilia Romagna è la regione con le camere più economiche in Italia. Degli oltre 4.500 alberghi la metà è concentrata sulla costa. Ospitalità e divertimento a basso prezzo, che hanno permesso alla Riviera di reggere anche alla crisi. Ma è una competitività che pesa anche sulle spalle di queste persone.La tratta. «Esistono delle agenzie che operano in Romania. Hanno depliant, cataloghi e organizzano i viaggi con pulmini che portano in Italia i dipendenti». È il direttore del Grand Hotel di Cesenatico, Luigi Godoli, a confermare l’esistenza di un sistema gestito da intermediari che dall’Est (non solo dalla Romania, ma anche da Moldavia e Polonia) procurano personale agli hotel della Riviera. «Noi abbiamo una persona, un italiano, che vive là. Ma non ci costa nulla. Immagino che prenda una percentuale sullo stipendio dei lavoratori. Credo sia una cosa normale».

Invece proprio normale non dovrebbe essere perché, almeno in Italia, chiedere soldi per un contratto di lavoro è illegale. Il decreto legislativo 276 del 2003 disciplina l’attività delle agenzie di intermediazione e selezione del personale. Nell’articolo 11 si fa divieto »di esigere o comunque di percepire, direttamente o indirettamente, compensi dal lavoratore».

Nonostante questo l’associazione Rumori sinistri ha individuato, nel corso dei due anni di indagine, almeno sette intermediari, tutti italiani tranne uno. Il bacino principale da cui attingono è Cluj Napoca, in Transilvania. Una delle zone più povere, a rischio spopolamento dopo l’entrata della Romania nella Ue, proprio perché tanti se ne vanno in cerca di un lavoro a ovest. Da lì partono e arrivano pulmini a nove posti che lasciano le lavoratrici davanti agli hotel, sono compagnie di trasporto che lavorano a chiamata e fanno fino a tre corse a settimana.

Uno di questi mediatori è di Rimini, la sua agenzia ha tre sedi, di cui una proprio a Cluj. Per avere il suo numero basta telefonare all’Adac, l’associazione di albergatori di Cesenatico, con la quale collabora da anni, oppure cercare sul sito internet dell’agenzia. Al giornalista che gli telefona per un’intervista riguardo alla sua attività non vuole spiegare nulla: «Io sono chiuso, per quest’anno non faccio niente. Sono perfettamente in regola in Romania ma non opero più in Italia». Basta però fingersi albergatori in cerca di personale a basso costo che comincia a raccontare, anche al telefono: «Io prendo 100 euro per conto di Adac, glielo dico subito (è la cifra che chiede agli albergatori per ogni dipendente assunto grazie alla sua intermediazione ndr) non si preoccupi perché è tutto in regola, ho un contratto riconosciuto dal governo romeno».

Il trucco sta qui, fare in Romania ciò che in Italia è vietato espressamente per legge. All’incontro pattuito il mediatore si presenta con un depliant che spiega come funziona la sua agenzia e assicura che non ci sono problemi per i controlli Inps o dell’Ispettorato del lavoro: «Loro lo sanno cosa devono dire», spiega: «Sanno che devono fare anche 10, 11 o 12 ore ma devono raccontare che ne fanno 6 e 40 con un giorno di riposo a settimana». Mentre è seduto al tavolino del bar riceve almeno sei o sette telefonate. Sposta e propone ragazze a un hotel o all’altro. Fa fronte alle esigenze dei clienti in emergenza: «Te ne mando una bravissima. Anche stasera. È un jolly, brava brava». E per fortuna che non lavorava più in Italia.

Poi parla anche della “concorrenza”: «Ci sono in giro dei delinquenti, che prendono i soldi in nero e poi magari le ragazze arrivano e trovano che l’albergo non esiste o è chiuso. Se li incontrassi glielo direi in faccia che si devono vergognare a prendere i soldi alla povera gente». Lui prende 500 euro a ogni lavoratrice alla quale procura un contratto da 1000, “muove” più di 100 donne a stagione lungo tutta la costa romagnola. E fa i nomi di tanti hotel suoi “clienti”, da Cervia a Cattolica.

Lo sfruttamento. Alla fine all’hotel K2 di Cesenatico ha vinto l’esasperazione. Alcuni stagionali hanno deciso di fermare il lavoro e protestare. I primi di giugno sono scesi in strada assieme ad altri dipendenti dello stesso gruppo, i Coppola, proprietari di altri otto hotel tra la Riviera e il Trentino, per chiedere che gli venisse finalmente pagato lo stipendio. Sono stati sbattuti immediatamente fuori dall’hotel, cinque di loro hanno dormito in strada, sopra le valigie, per quattro notti. Fino a che Sandra non li ha trovati e ospitati per qualche giorno. La casa è piccola e i bagagli occupano metà dello spazio, ma è sempre meglio che dormire sotto le stelle. Raccontano gli orari massacranti: «Io ero stata assunta con un contratto a chiamata», racconta una di loro, «ma lavoravo tutto il giorno anche 15 o 16 ore come cameriera ai piani». Il ragazzo che le siede accanto non parla bene l’italiano. Prosegue lei per lui: «Lui era cameriere di sala ma faceva il tuttofare, anche le camere e il lavapiatti. Ci hanno dato 50 euro in due mesi. Quando chiedevamo lo stipendio rimandavano sempre. Allora abbiamo deciso di venire via».

Con loro ci sono anche due ragazzi che vengono dal sud Italia. Sono arrivati al K2 a fine maggio ma hanno resistito solo pochi giorni: «Al colloquio ci avevano detto 1.200 euro al mese, 6 ore e 40 e giorno di riposo. Invece il giorno di riposo non c’era, lavoravamo 14-15 ore al giorno e lo stipendio era sceso a 900. Dormivamo in una stanza in sette che al massimo ci si poteva stare in quattro. Con un bagno solo, con la muffa e i topi». La direzione dell’Hotel K2 non ha risposto a richiesta di un’intervista da parte de ‘L’espresso’ per rispondere a queste accuse.

«Facendo due conti si deduce che questi lavoratori prendono un terzo del salario che gli sarebbe dovuto», spiega Ercole Pappalardo della Cgil. Ma il confronto con le tabelle salariali non rende. La differenza è infatti di poche centinaia di euro ma con orari ben differenti e un giorno libero a settimana, che qui in riviera non usa fare perché lo spirito è quello di rimboccarsi le maniche, tipico del boom degli anni Cinquanta “far legna” il più possibile, lavorando anche 100 giorni senza sosta.

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,
Annunci