Archivi tag: il manifesto

Riflessioni per la sinistra

Dal sito cercareancora.it pubblico di seguito un articolo di Alfonso Gianni. Buona lettura!

di Alfonso Gianni

(pubblicato su il manifesto del 26.4.12)

Non credo ci sia molto da aggiungere alla constatazione sulla insoddisfazione dei cittadini italiani rispetto all’offerta politica attualmente esistente. Più interessante sarebbe ritornare sull’analisi delle cause della attuale profondissima crisi della politica e, in essa e come causa principale della medesima, della sinistra. Si scoprirebbe facilmente che una delle ragioni di fondo sta nella separazione tra cultura e politica, che purtroppo è ben presente anche nel campo della sinistra radicale, assumendo varie forme, tra le quali indubbiamente l’idea che per tratteggiare un profilo ideale-politico-programmatico, ovvero un’identità definita e riconoscibile al di là della contingenza, basti semplicemente assemblare, o confederare, quello che c’è del ceto e delle idee politiche esistenti o sommare le rivendicazioni che già provengono dai movimenti o definire ottime regole democratiche di una discussione dai contorni però del tutto indefiniti. Ovvero che si tratti di raccogliere il già seminato. Ma, come esordisce il Manifesto per un soggetto politico nuovo, “non c’è più tempo” per buttarla sui massimi sistemi. E sia. Ma da dove deriva l’urgenza? Purtroppo questa sana discussione nasce alla vigilia di un ineludibile appuntamento elettorale, quello del 2013. Concordo con chi dice che non si può fare finta di niente e muoversi nel campo dell’astrazione. Ma un conto è ragionare attorno alla costruzione di una nuova offerta politica, e solo a quel punto elettorale, che abbia almeno l’ambizione di porsi come inclusiva e unificante, un altro è – pur restando perfettamente legittimo – dare vita a un nuovo soggetto in aperta concorrenza con quelli esistenti. Né si può pretendere che la cosa passi inosservata sotto la foglia di fico del pericolo grillino. Perciò conviene forse soffermarsi sul quadro politico interno e internazionale, almeno europeo, nel quale i nostri passi si compiono. Colpisce la recente insistenza sulla gravità e la lunga durata della crisi in atto. Che sia così non vi è dubbio. Per quanto riguarda l’Italia e l’Europa con la sola eccezione della Germania e di qualche paese satellite, come la Polonia, essa ha un andamento peggiore, a cinque anni dal suo inizio, di quella che originò dal crollo di Wall Street nel ’29. Si è fatta, a causa del salvataggio del sistema bancario, crisi del debito pubblico da cui le classi dominanti cercano di uscire non con la tecnica, come si continua a fare credere, ma con una precisa politica basata sulla riduzione strutturale dell’occupazione e la cancellazione di qualunque forma di intervento dello stato in economia (fiscal compact più costituzionalizzazione del pareggio di bilancio) , la sospensione della democrazia più l’austerity a livello degli stati, il marchionnismo, ovvero la liquidazione del dualismo fra capitale e lavoro e dell’antagonismo sindacale, a livello delle imprese. Tuttavia si coglie nella compiacente drammatizzazione degli elementi reali della crisi, così diversa dalla sua negazione ai tempi di Berlusconi, un evidente disegno politico: quello di garantire al governo Monti una ultrattività ben al di là dell’appuntamento elettorale e del suo esito. Il governo Monti nato come governo costituente di un nuovo quadro politico e , come si è visto con la votazione bulgara sull’articolo 81 della Costituzione, di nuovi assetti istituzionali, a rimorchio delle pulsioni a-democratiche di questa Europa, si attribuisce il compito di prolungare il proprio lavoro in una dimensione temporale indefinita, comunque non inferiore alla durata della crisi, nella quale avvengono quei processi di ristrutturazione sistemici cui prima facevo frettolosamente riferimento. Serve a questo disegno che quella destra caduta dal carro venga travolta dalle sue ruote, è il caso della Lega, e che il centro si riorganizzi (vedi le mosse di Casini); serve che la sinistra, per quanto debole e confusa, non intralci i progetti di grande coalizione, proprio perché il passaggio è talmente stretto che anche un piccolo granello di sabbia potrebbe bloccare ingranaggi per quanto potenti. Un simile quadro potrebbe trovare degli ostacoli efficaci nell’esito delle prossime, alcune imminenti, prove elettorali europee, in particolare quella francese ove la possibilità di una vittoria della sinistra è reale e dove sono state poste alla scelta degli elettori questioni di sostanza che restituiscono per intero il clivage fra destra e sinistra. Ma noi non possiamo, pur sperandoci e tenendone conto, aspettarci dagli altri la nostra salvezza. Né la risposta può venire solo da una nuova legge elettorale. Pensare di impedire la potente spinta a una strutturata grande coalizione all’italiana, sulla base dell’obbligo di indicare preventivamente la coalizione, significa non avere ancora metabolizzato l’errore del referendum respinto dalla Corte costituzionale e neppure le ragioni che portarono alla cancellazione della Sinistra Arcobaleno.Una ambiziosa e coinvolgente politica di destra, quale quella avviata con il governo Monti, si affronta sul terreno sociale e politico. Non ci sono scappatoie. Non ci si può appellare solamente a una rigenerazione del vecchio centrosinistra. Simili processi, se avvengono, possono verificarsi solo in virtù di un agente esterno, ovvero del delinearsi di un’alternativa. Né, come ci ha detto Massimo Bucchi in una splendida vignetta, si può pensare che una politica nuova sia “l’antiantipolitica”. Servono movimenti e forze politiche di sinistra, meglio se queste ultime impegnate in un processo di unificazione. Qui si tratta di costruire un articolato, diffuso e allo stesso tempo coeso – quantomeno per non produrre azioni schizofreniche – gruppo dirigente che coltivi anche l’ambizione di porsi come futura classe dirigente della società, argomento quest’ultimo curiosamente del tutto assente dalla attuale discussione. Invece è qui che sta il nodo del governo, non come esito immediato e tantomeno obbligato di una affermazione elettorale ma come costruzione di un punto rilevante e irrinunciabile, per quanto non esclusivo, della trasformazione. E’ lo stesso tema che pongo dall’interno di Sinistra Ecologia Libertà. Una forza che non può – qualche bilancio autocritico è ormai tempo di trarlo – porsi da sola il compito per il quale pure era nata, appunto la costruzione di un soggetto politico nuovo della sinistra, ma dalla quale non credo si possa e convenga ad alcuno prescindere in questo percorso. Per queste ragioni sarei poco interessato, per quel poco che conta, al toto-nome, come al toto-liste, considererei un errore fatale pensare al soggetto politico nuovo come a un soggetto esclusivo, come pure a una frettolosa chiusura del quadro programmatico attraverso una semplice giustapposizione di lavoro e beni comuni (concetto che come giustamente dice Rodotà non andrebbe usato in modo inflattivo). Il punto è come rispondere alla ristrutturazione in atto nel campo economico, sociale, istituzionale e politico che nel suo complesso costituisce la risposta da destra alla crisi in atto. Il passaggio elettorale è solo una tappa. Non vedo difficoltà, se le forze politiche e i movimenti attualmente esistenti la misurano nelle corrette dimensioni, a trovare una soluzione che fornisca a tutti la possibilità della rappresentanza.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,

Finanza forte, politiche deboli e la via d’uscita della democrazia

http://www.ilmanifesto.it/dossier/la-rotta-deuropa/la-sintesi/

 

Claudio Gnesutta  22 ottobre 2011

I guai dell’Italia, l’assenza dell’Europa e il vuoto di democrazia sono i tre temi al centro del dibattito sulla “Rotta d’Europa” iniziato lo scorso luglio col precipitare della crisi europea. In questa sintesi della discussione emerge il nodo difficile della finanza internazionale, che ha concentrato troppi poteri,  la necessità di rinnovare le istituzioni e le politiche dell’Unione, e di estendere le forme di partecipazione e democrazia a scala europea.

Rossana Rossanda nell’avviare la discussione sulla “Rotta d’Europa” ha posto la questione del rapporto tra la crisi del nostro debito pubblico e il ruolo incerto dell’Unione Europea in questa fase turbolenta. I successivi interventi, fin dal primo contributo di Mario Pianta, hanno affrontato questo tema nella convinzione che, per comprendere la situazione attuale e le prospettive dell’immediato futuro, sia essenziale individuare le ragioni della crisi delle istituzioni europee, non solo di quelle economiche ma anche, se non soprattutto, di quelle politiche.

All’inizio del dibattito la questione più trattata è stata la difficoltà dell’economia italiana nel fronteggiare l’attacco della finanza internazionale, ma ben presto l’interesse si è spostato sulle responsabilità dell’Unione europea, in primis della sua Banca centrale, per avere orientato la sua azione all’interno di una concezione neoliberista delle relazioni economiche e sociali considerando del tutto marginali i costi sociali che ne potevano derivare. Attorno a questi tre temi – situazione strutturale dell’economia italiana; inadeguatezza delle istituzioni europee nel sostegno dei paesi membri in difficoltà; ostacolo alla costruzione di una democrazia di qualità – si è concentrata riflessione collettiva non solo di dare una spiegazione delle difficoltà attuali, ma soprattutto di prospettare i modi per il loro superamento.

I tre temi costituiscono la guida per il tentativo di sintesi della discussione che presento in questo articolo, con l’intento di sottolineare gli snodi principali di un discorso collettivo e le acquisizioni maggiormente condivise. Nella prima parte riporto le spiegazioni della nostra fragilità economica e sociale e le sue connessioni con l’inadeguatezza assunta dal “progetto europeo”. Successivamente espongo quali cambiamenti sono proposti affinché le istituzioni economiche europee possano garantire ai paesi in difficoltà di far fronte agli shock finanziari, attuali e futuri. Infine, presento le contromisure che potrebbero controbilanciare l’ulteriore accentramento delle istituzioni economiche europee, potenziando il grado di democrazia politica dell’Unione. Non è possibile fare riferimenti puntuali a tutti gli spunti offerti dal dibattito; riporto l’indicazione dell’autore (tra parentesi) solo nel caso di citazioni esplicite o per segnalare il contributo che sviluppa un tema particolare.

Dal dibattito emerge, in sostanza, la convinzione che dalla pressione della finanza internazionale ci si può difendere, ma che ciò avviene più utilmente all’interno di appropriate istituzioni europee che offrano ai membri in difficoltà uno scudo nei confronti della finanza globale. Affrontare le difficoltà politiche e sociali per concretizzare una tale prospettiva ha però senso solo se l’obiettivo politico è quello del rafforzamento del “modello sociale europeo”, dell’Europa del welfare. Una tale prospettiva non riguarda esclusivamente il nostro paese, ma interessa tutti i paesi e l’Europa nel suo complesso e questo spiega perché le riflessioni sviluppate nel Forum non sempre distinguano nettamente le tre dimensioni geografiche (nazionali, europee, globali); un merito non marginale della discussione è proprio lo sguardo ampio che la caratterizza.

1. L’Italia in crisi e la fragilità del progetto europeo

Dal fordismo al neoliberismo. Pur con diversità di accenti, il dibattito ha ampiamente condiviso la tesi che il contesto, materiale e culturale, di “fede nel liberismo” (Rossanda) ha condizionato pesantemente le politiche economiche alla radice della crisi che dal 2008 imperversa sulla nostre economie e che negli ultimi tempi ha assunto la forma della crisi dei debiti sovrani. “Fede” di cui non sono rimaste immune nè l’Unione europea nè la BCE e la sua gestione dell’euro. Si è trattato di un orientamento politico-culturale che ha prodotto linguaggi, parametri, riferimenti politici e istituzionali che hanno affascinato ampi settori politico-culturali, anche della socialdemocrazia e della sinistra (Palmer). La visione neoliberista dell’economia e della società non è cosa recente; essa costituisce una drastica e irrimediabile cesura rispetto al compromesso fra le parti sociali di natura “fordista” che era stato il fondamento della politica economica dell’“età dell’oro del capitalismo” (Kaldor). Dagli anni settanta si avvia un processo politico-culturale travolgente che, attraverso l’imperativo di “liberare l’economia dalle bardature regolative per lasciare alle forze economiche di poter far da sé e, così, fare società” (Fassina), aveva (e ha) come obiettivo la costruzione di quella “società di mercato” regolata dalle relazioni dello scambio interessato. Sebbene la realtà sociale abbia ormai accettata la svolta monetarista favorevole al mercato “a tutti i costi” e quella della pubblic choice con la sua diffidenza per l’intervento pubblico, altrettanto non vale a livello sociale per quella logica della “piena libertà di circolazione delle persone, delle imprese e dei capitali, messi sullo stesso piano” che ha prodotto l’arretramento dei diritti sociali e la precarizzazione del lavoro sotto i nostri occhi (Bellofiore). Anche la crescente disuguaglianza degli ultimi decenni, più che essere dovuto alla minore capacità redistributiva del welfare, è il risultato della flessibilizzazione dei mercati pressati da una politica economica coerente con il processo di globalizzazione (Franzini). Con questo riferimento di fondo, il dibattito si è principalmente concentrato su due temi: il peso della finanza internazionale nel determinare le condizioni strutturali dell’attuale crisi e il (mancato) ruolo dell’Unione europea nel governare una realtà che, per la rinuncia a controllare i movimenti di capitale con l’estero, ha accettato di trasferire (parte del) proprio potere decisionale a istanze sopranazionali. (Rossanda)

Il ruolo strutturale della finanza globale. Il ruolo della “finanza globale” nell’attuale crisi è stato ampiamente commentato. Il diffuso giudizio negativo per i suoi condizionamenti economici e sociali è stato sostenuto da un approfondimento del suo modo di operare. La non-neutralità della sua azione è evidente dalla struttura gerarchica del sistema finanziario mondiale costituito al vertice da nove grandi complessi bancari e da tre società di rating, le cui scelte orientano inevitabilmente la dinamica dei mercati. I movimenti finanziari, per quanto nella loro dimensione speculativa appaiano irrazionali, costituiscono un meccanismo a loro modo efficiente in quanto funzionale a interessi globali (Fumagalli).

Va considerata, a questo riguardo, la capacità del mercato finanziario globale di orientare e di condizionare i flussi mondiali e i suoi effetti reali sull’economia per la sua facoltà di convogliare i fondi raccolti sull’intero scacchiere mondiale (inclusi le fasce di reddito elevato, europee e italiane) verso realtà economiche ad alto rendimento, seppur particolarmente rischiose (quali quelle del sud-est asiatico). In una logica strettamente economica e in un’ottica globale, non si può sostenere che la finanza induca effetti “distorsivi”, ma, dal punto di vista sociale, essa condiziona profondamente le prospettive di vita delle realtà “locali” non privilegiate dal suo credito. Non va sottovalutare il ruolo che l’infrastruttura finanziaria svolger per l’accumulazione nei paesi periferici, come è rilevato dalla direzione degli investimenti diretti, della delocalizzazione industriale, della rete di commesse e subforniture; in altre parole, non va sottovalutata la funzione storica della finanza globale a sostegno della fase di accumulazione “accelerata” a livello mondiale degli ultimi decenni che comporta, come effetto discriminatorio, le inferiori opportunità di investimento nei nostri paesi (Fumagalli).

Si deve inoltre riconoscere che la dimensione assunta dalle transazioni finanziarie (rispetto ai flussi reali della produzione e del reddito) è certamente “ipertrofica” per sostenere il processo di accumulazione descritto. Si deve però tener presente che per collocare i titoli presso risparmiatori avversi al rischio è “normale” che gli operatori finanziari utilizzino forme di rifinanziamento o di assicurazione per coprirsi dal rischio del debitore (particolarmente elevato per gli investimenti nei paesi emergenti). Ciò avviene, in forme più o meno sofisticate, con l’emissione di titoli da parte dell’istituto finanziario sui quali viene trasferita una parte del rischio finale. Quando la ripetizione abnorme di questa procedura determina l’enorme attuale volume delle attività finanziarie in circolazione, il sistema permette di spalmare il rischio (del debitore finale) tra una miriade di operatori tanto da farlo scomparire magicamente (ma non effettivamente) alla vista dei risparmiatori finali (e anche di molti intermediari). I titoli in circolazione appaiono allora per il singolo investitore del tutto sicuri e, la mancata corretta informazione a questo riguardo, lo induce a detenere titoli che non corrispondono alle proprie necessità. Un sistema finanziario così strutturato è strutturalmente instabile poiché i singoli operatori non sono in grado né di valutare l’effettivo rischio che corrono, né di governare le interazioni sistemiche che si vengono a generare quando divengono reali le perdite a carico del debitore finale. Per quanto il giudizio su tale meccanismo “impazzito” sia decisamente negativo per i danni economici e sociali che provoca, non si deve ignorare la considerazione preoccupante che non sembra esservi un’alternativa altrettanto potente per sostenere il processo di accumulazione globale; un meccanismo non obsoleto con il quale sarà necessario fare ancora i conti nel prossimo futuro.

Va infine sottolineata l’esistenza di un legame tra la liberalizzazione finanziaria e la disuguaglianza nella distribuzione dei redditi, rimarcata dalla crescita iperbolica dei profitti e delle rendite negli ultimi decenni. Non viene dato sufficiente rilievo al fatto che la crescente offerta di fondi finanziari dovuta ai risparmi dei ceti ad alto reddito, favoriti in varia maniera dall’alleggerimento dell’imposizione progressiva del reddito o dalla possibilità di evasione fiscale, è una componente essenziale della raccolta delle istituzioni finanziarie che le mette in condizione di redistribuire il risparmio dei paesi ad alto reddito (inclusi quelli europei) agli investimenti in aree a alto rendimento. Se il meccanismo è efficiente dal punto di vista finanziario (globale) non lo è a livello “locale” per la compressione degli investimenti e della crescita interna al di sotto delle sue potenzialità di risparmio. Solo l’accettazione acritica di una presunta oggettività economica può spiegare perché una comunità democratica accetti di sottostare a un tale meccanismo.

L’Unione europea: una scelta politica gestita in termini economici. Le considerazioni sul ruolo dell’Unione europea si concentrano sulla deriva che ha subito l’obiettivo originario di costituire un soggetto geo-politico autonomo a livello mondiale (Amato). Tale involuzione è bene espressa dalla trasformazione registrata, nel passaggio dalla Strategia di Lisbona a quella di Europa 2020, dell’obiettivo della “coesione sociale” che viene vista, nel documento più recente, come un peso per la crescita (Lundvall). Lo stesso disegno istituzionale europeo, centrato su Patto di Stabilità e Banca centrale, che avrebbe dovuto rappresentare gli strumenti di una politica economica autonoma per proteggere gli stati membri dall’instabilità e favorire l’integrazione politica, si è trasformato in un fattore di tensione quando, nel clima neoliberista, è stato ridotto a strumento “amministrativo” di supporto dell’autoregolazione dei mercati (Ferrara). Con la loro apparente depoliticizzazione, si è ridotto l’orizzonte di politica economica di queste istituzioni alla sola flessibilizzazione dei mercati, nella convinzione che le regole finanziarie da loro imposte fossero sufficienti, attraverso il contenimento dei salari reali e dei conti pubblici, a garantire alla società una crescita sostenuta e stabile (Bellofiore).

La dimensione politica dell’Europa si è, nella sostanza, appiattita sulla dimensione economica dell’Euro (De Fiores). La scelta della moneta unica da parte da parte dei paesi economicamente più fragili ha peraltro imposto loro dei vincoli che, alla lunga, sono diventati preminenti rispetto ai vantaggi (di più breve periodo) derivanti dal contenimento del costo dell’indebitamento, privato e pubblico. Due sono i vincoli che vengono evidenziati: la subordinazione produttiva alla centralità industriale della Germania; la subordinazione alle condizioni finanziarie internazionali, anche per effetto di una politica della BCE che non accoglie tra i suoi obiettivi la crescita del reddito e la tenuta dell’occupazione (Pianta).

Bandiera Unione Europea

Il mercantilismo tedesco… La centralità del “modello” industriale tedesco è una costante storica del panorama economico europeo. Esso è il risultato di una struttura politica e istituzionale a sostegno di una rete di imprese che operano in settori ad alta tecnologia e la cui competitività non-di-prezzo favorisce lo sbocco sui mercati esteri (Guérot). Il carattere dominante del sistema produttivo tedesco risulta acuito in un sistema di cambi inevitabilmente fissi, quale quello costituito dall’area dell’euro, per la presenza di paesi con una sistematica carenza competitiva. Da qui l’inevitabile tensione all’interno dell’area tra il contesto industriale e quello finanziario.

In effetti, l’economia tedesca, e quelle dei paesi che ne sono il corollario, non si avvantaggia solo dal fatto che gli altri paesi europei (che non possono svalutare per compensare la loro minore dinamica competitiva) costituiscono un importante mercato di sbocco, ma anche dal fatto che la presenza dei deficit commerciali di questi paesi frena l’apprezzamento della moneta europea. D’altra parte, per quanto contenuta, la rivalutazione dell’euro modera la crescita dei prezzi alle importazioni che favorisce i salari e i redditi reali, facilitando la pressione alla moderazione salariale e alla disciplina sociale che il modello tedesco richiede per conservare i suoi vantaggi competitivi (Leon et al.).

Per quanto riguarda le economie più deboli, la moneta unica le libera dal vincolo estero, ma essendo precluso l’aggiustamento della bilancia dei pagamenti tramite la svalutazione, lo squilibrio deve essere sanato accumulando debito (privato e pubblico) sull’estero. La possibilità di condizioni facili di indebitamento rafforza l’“illusione” di questi paesi di poter perseguire obiettivi di politica economica non sostenibili nel lungo periodo (Bagnai). È ciò che è divenuto manifesto quando le condizioni di credito sui mercati internazionali si sono inasprite con la crisi; i paesi deficitari sono stati sottoposti a pressione al fine di ridurre il loro squilibrio nei conti con l’estero attraverso l’aumento della loro produttività e i tagli del loro bilancio pubblico. La pretesa “tedesca” di risanamento dei conti è risultata di difficile gestione non solo per i tempi brevi richiesti, ma soprattutto per la inevitabile caduta della domanda a livello europeo che ne è seguita (Cesaratto, Simonazzi). Il superamento delle presenti difficoltà richiede tempi presumibilmente lunghi e riflessi pesanti a livello sociale; una prospettiva di lunga deflazione con preoccupanti effetti su disoccupazione e livelli di reddito che allarma anche la forte società tedesca (Leon et al.).

…e la subordinazione alla finanza internazionale. La finanza ha il ruolo di disciplinare i comportamenti “locali” per renderli coerenti con l’attuale modello di sviluppo “globale”, attraverso il naturale meccanismo speculativo che sposta gli enormi fondi in circolazione dai titoli dei debitori con peggiori prospettive a quelli con redditività maggiore. Se, come è successo per i titoli pubblici dei paesi periferici dell’euro e dell’Italia, la finanza ritiene che le prospettive dei soggetti debitori sono peggiorate, essa non è disposta a detenere tali titoli nei propri attivi a meno che (per effetto della pressione delle sue vendite) non aumenti il loro rendimento (Gnesutta).

Va rimarcato che la debolezza dei conti pubblici non è costituita tanto dal livello dello stock del debito pubblico (non si pone la necessità di “ripagare” il debito), quanto dalla capacità di garantire nel tempo il “servizio del debito” (Bruno). In effetti, per essere tranquillizzata, la finanza deve ritenere che lo Stato potrà disporre nel corso del tempo delle risorse necessarie per il pagamento degli interessi (e per il rinnovo della tranche di fondi in scadenza) in quanto il sistema produttivo sarà in grado di far affluire a esso un adeguato volume del reddito prodotto. Se ciò non dovesse avvenire e le istituzioni finanziarie diano una valutazione negativa sulla capacità dello Stato di rispettare i propri impegni, questi sarà soggetto a condizioni più pesanti per essere rifinanziato; il maggior tasso d’interesse che accettare è in sostanza il rimborso anticipato di quella quota del capitale che il finanziatore valuta di perdere per il possibile default futuro. Si tratta di un’ovvia conseguenza di una valutazione soggettiva di presumibili inadempienze future, che però aggrava le condizioni correnti dei paesi in difficoltà, quando non le rende addirittura intollerabili, e il peggioramento della solvibilità dello Stato giustifica a posteriori il primitivo giudizio negativo.

È ampiamente condiviso che la pressione della finanza compromette l’autonomia degli stati; in effetti, le valutazioni sulla solvibilità dei conti pubblici sono formulate dalle stesse istituzioni finanziarie (incluse le società di rating) e pertanto incorporano la loro avversione per quelle politiche, correnti e future, che esse giudicano non “corrette”, ovvero contrarie ai propri interessi. Nell’accettazione piena di questi giudizi la “politica” esprime la sua piena soggezione nei confronti del “mercato”, rendendo esplicito che la finanza internazionale rappresenta la forma più compiuta, astratta e delocalizzata del capitale (Viale).

La crisi dei debiti sovrani dei paesi europei mostra l’inadeguatezza dell’attuale struttura istituzionale europea a rappresentare una protezione dei debiti pubblici dei paesi-membri più deboli, protezione che pure era stata ampiamente attivata nel 2008 per la crisi delle banche. L’incapacità della politica economica europea di fornire ai conti pubblici il necessario sostegno finanziario intacca la sua credibilità finanziaria, garanzia per l’indispensabile apertura di credito sui mercati per il loro rifinanziamento. Risulta in tal modo rafforzata la pressione per ridimensionare l’intervento pubblico (attraverso tagli e liberalizzazioni) con prevedibili pesanti ricadute sociali poiché le drastiche manovre di rientro richieste aggravano le condizioni di rifinanziamento e sospingono l’economia lungo una pericolosa china deflazionistica.

Una prospettiva deflazionistica per l’Europa. Se la speculazione sui titoli pubblici può apparire giustificato a livello di singola istituzione per la necessità di ricostituire, in una fase di crisi prolungata, le “proprie” condizioni di solvibilità (ma a scapito della stabilità di altri soggetti, privati e pubblici), esso risulta intrinsecamente contraddittoria per il rischio che tale comportamento risulti un detonatore per la diffusione della crisi, non solo produttiva ma anche finanziaria. Ciò si verificherebbe se la speculazione proseguisse oltre, sui titoli delle banche (europee) impegnate nel finanziamento dei debiti pubblici e poi su tutti gli altri, di cui i recenti crolli di borsa sono il segnale di una logica finanziaria priva di qualsiasi contrappeso di cautela sistemica (Comito).

In presenza di una crisi che sta erodendo tutti i punti di stabilità a livello globale appare evidente come l’Europa – nel suo complesso e nelle sue singole nazioni – si trovi schiacciata tra difficoltà competitive dal punto di vista industriale e condizioni di subalternità dal punto di vista finanziario. Nell’interpretazione politica neoliberista particolarmente aggressiva degli ultimi tempi, la situazione è ritenuta insostenibile per i “costi” che le economie europee devono sostenere per il loro welfare. Non meraviglia allora che, di fronte alla pressione finanziaria internazionale, il riaggiustamento richiesto ai diversi paesi assuma la forma del contenimento diretto e indiretto dei salari reali e dei redditi della classe media (Pizzuti). Se poi, come in Europa, non viene affrontata la questione della politica fiscale comune per non interferire con gli obiettivi nazionali e se, come in Italia, il governo ha un orizzonte di ancor più corto respiro della finanza, l’assenza di una politica europea autonoma si traduce necessariamente nella sottomissione della società alle condizioni poste dai mercati (Pianta).

Le ipotesi di soluzione avanzate, e spesso imposte, a livello internazionale operano per un aggravamento delle difficoltà in quanto prospettano un quadro complessivo dalla netta tendenza alla stagnazione particolarmente preoccupante per le condizioni di vita delle fasce sociali più deboli. La mancata ricerca di uno spazio per rispondere alle essenziali esigenze di vita e di benessere dei propri cittadini (Fassina) riflette l’insoddisfacente mediazione tra modello sociale europeo e modello globale di mercato da parte dell’attuale governo dell’Europa per aver assegnato al capitale, e alla sua ricerca di efficienza guidata dai “mercati finanziari”, quella sovranità sulla politica (economica) che le Costituzioni democratiche attribuiscono al popolo (Viale).

 

 

2. Convivere con la finanza: la governance economica

L’Europa, un’area economicamente non omogenea. La gestione della crisi determinerà i caratteri futuri della società europea sia per come si struttureranno i poteri a livello sovranazionale, sia per gli obiettivi che risulteranno istituzionalmente privilegiati. A questo riguardo, sono due gli aspetti sui quali si è concentrata l’attenzione: la ristrutturazione dell’architettura istituzionale della politica economica europea attualmente fondata sull’autonomia della banca centrale e sull’efficienza informativa dei mercati (finanziari); la qualità dell’impegno dell’Unione per garantire ai paesi economicamente più fragili una loro collocazione sostenibile al suo interno.

Per non uscire da questa crisi in senso regressivo (abbandonando cioè i carattere di una società del welfare) è importante partire dall’ovvia constatazione che l’area europea non è una realtà omogenea, né dal punto di vista economico, né tanto meno da quello politico e istituzionale (Bellofiore). Le evidenti asimmetrie esistenti, tra paesi e all’interno di ciascuno di essi, rendono contraddittoria la pretesa – assunta spesso come obiettivo – di perseguire la convergenza tra paesi in termini di competitività, salari e conti pubblici: le asimmetrie evolvono nel tempo, si possono accentuare o attutirsi, ma non possono essere completamente riassorbite; con esse si deve convivere nell’oggi e nel futuro. L’affermazione più volte enunciata che l’Unione europea non è un’area valutaria economicamente ottimale è scontata, anche se nella sua incontestabilità è lungi dal cogliere il senso del problema. In effetti, l’Unione è, per scelta, un’area valutaria politicamente ottimale e, finché permane questa scelta, essa ne deve sostenere i relativi costi. In altre parole, se intende sopravvivere politicamente, deve risolvere la questione di come far convivere al suo interno una realtà di irriducibili asimmetrie nazionali e ciò richiede di adottare una governance non subalterna alla finanza globale (Gianni).

Non meraviglia allora che le cause della crisi e della sua particolare intensità siano state collegate alle possibili carenze del quadro istituzionale della politica economica europea che risulta inadeguato per realizzare compromessi all’altezza della gravità della situazione. Appare quindi essenziale una ridefinizione delle attuali istituzioni di politica economica per affermare una prospettiva europea liberata dal dogma neo-liberista (Musacchio).

Accettare il fallimento: l’uscita dall’euro e il default. Prima di affrontare questo punto – che è quello sul quale si è concentrato maggiormente il dibattito -, conviene soffermarsi sulle posizioni alternative che, accettando il fallimento della moneta unica, auspicano un’uscita dall’euro. La complessità della situazione accumulatasi nel tempo, l’incertezza nel garantire nei tempi brevi le richieste della finanza, la sfiducia nel poter far affidamento sulla protezione delle istituzioni europee, tutto ciò giustifica una scelta così drastica in quanto ritenuta preferibile al dover sottostare ai costi sociali di una deflazione dei debiti (Leon et al.). La considerazioni di un tale evento è importante poiché può non essere il frutto della ricerca di una maggiore indipendenza nazionale nella conduzione della politica economica, ma essere invece il risultato improvviso di condizioni di forza maggiore o della benevola disattenzione degli altri paesi europei che, anche contro i propri interessi di più lungo periodo, rinunciano ad assumersi le responsabilità politiche richieste dall’appartenenza a un’unione politica (Guèrot, Comito).

I sostenitori di questa opzione ritengono che con l’abbandono della moneta europea, e una forte svalutazione della nuova valuta nazionale, si possa utilmente riconquistare la gestione del cambio ai fini della crescita. (Bagnai)

Per quanto rimanga indefinito quale maggiore margine espansivo possa avere una politica monetaria locale nell’attuale gestione monetaria globale di bassi tassi d’interesse condotta dalla Fed, è indubbio che acquisire la flessibilità del cambio, dovrebbe permettere il sostegno delle esportazioni e quindi della crescita. Tuttavia, lo strumento abbandonato, il cambio fisso, lascia scoperto l’obiettivo al quale era finalizzato (la stabilità dei valori nominali, i prezzi e salari interni) per il perseguimento del quale si rende necessario acquisire uno strumento distinto. Anche se non è difficile ammettere che sull’importanza della stabilità dei prezzi vi sia un eccesso di enfatizzazione, ma ciò non significa che con la flessibilità del cambio non si rischi una pressione inflazionistica che ridimensioni l’atteso rilancio della competitività di prezzo.

Per quanto riguarda gli effetti finanziari della svalutazione, essa risulterebbe efficace se l’indebitamento del paese fosse espresso nella propria moneta, come sarebbe il caso della svalutazione del dollaro per gli Stati Uniti; l’effetto risulterebbe invece gravoso se il debito fosse espresso in una valuta diversa (come nel caso dei piccoli paesi che si indebitano all’estero). Anche in questo caso, l’effetto negativo potrebbe risultare contenuto se la politica economica interna riuscisse a bloccare le aspettative di inflazione interna e ad acquisire la fiducia dei mercati internazionali sulla sua solvibilità futura. Solo in questo caso, non si interromperebbe il rifinanziamento del debito estero e l’aumento del premio per il rischio rimarrebbe contenuto con effetti benefici sull’onere del servizio del debito, sia pubblico che privato. Di nuovo, liberarsi dal vincolo del cambio fisso non è risolutivo, anche se utile all’interno di una forte strategia di rilancio dell’economia e di risanamento dei conti pubblici volte a migliorare la credibilità finanziaria del paese.

I medesimi condizionamenti finanziari sono presenti anche per le proposte di ricorso al default – volontario o imposto, accompagnato o meno dell’uscita dall’euro – con il quale il paese in difficoltà dichiara di non essere disposto a onorare il proprio debito nelle forme a suo tempo contratte (Fumagalli). Una tale scelta comporta una contrattazione con i creditori, assistita o meno dall’intervento delle istituzioni internazionali (FMI, UE). Per le considerazioni fatte in precedenza, la scelta del default può non essere risolutiva poiché non è detto che la parte dello stock di debito che si riesce a cancellare sia sufficiente a ridurre il servizio del debito sulla parte dello stock di debito non condonato. Qualora il paese debba di necessità rifinanziarlo sul mercato, è presumibile che le condizioni di tasso e di rimborso risultino più pesanti per la ricerca dei finanziatori di non correre il rischio di default futuri. L’alternativa inevitabile per evitare l’aggravio del servizio del debito è procedere in un processo di risanamento “credibile” dai tempi piuttosto lunghi e dai costi presumibilmente pesanti. Un default controllato e, se fosse possibile, sostenuto da un ampio consenso a livello europeo potrebbe ridurre di molto i costi dell’operazione; ma se ciò fosse realizzabile, l’appoggio europeo potrebbe essere sfruttato meglio per sostenere altri processi di correzione meno penosi degli squilibri dei contipubblici.

La valutazione che, allo stato attuale, l’uscita dall’euro o la dichiarazione di default appaiono improponibili si fonda sulle preoccupazioni che entrambi innestino un circolo perverso di inflazione-deflazione e conseguente processo involutivo con un continuo deterioramento delle condizioni del mondo del lavoro e dei settori più deboli della società (Ciafaloni, Amato). Non sembrano inoltre secondarie le implicazioni a livello internazionale che si avrebbero dal dissociarsi dagli accordi dell’euro in quanto il nostro paese si renderebbe (ancora più) marginale nel governo della politica europea. Inoltre non va trascurato che comunque l’area monetaria europea può costituire un’utile “scialuppa di salvataggio” in questo frangente storico così intricato. (Wallerstein).

Una nuova governance europea: la politica fiscale … La valutazione, ampiamente ripresa nel dibattito, che non sia possibile pensare a un nostro futuro autonomo rispetto a quello dell’Europa si è appoggiata su una riflessione di quali forme dovrebbe assumere l’auspicata “più Europa”. Aspetto cruciale di questa prospettiva è il rafforzamento della politica fiscale a livello comunitario attraverso l’ampliamento del bilancio e il potenziamento della sua politica macroeconomica.

I maggiori fondi di cui dotare il bilancio comunitario andrebbero destinati a sostenere la domanda interna dell’Unione non solo in funzione anticiclica, particolarmente rilevante nelle fasi recessive come l’attuale, ma anche con finalità strutturali. Per quanto riguarda il primo aspetto vi è la necessità di interventi per avviare a livello continentale un ciclo trainato dagli investimenti, particolarmente propizio in un momento in cui l’eccesso di capacità e la presenza di disoccupazione dovrebbe rassicurare sui pericoli di tensioni inflazionistiche e di squilibri nei conti con l’estero (Ietto-Gillies, Bruno). La regolazione della domanda a livello dell’Unione permetterebbe ai diversi paesi che presentano squilibri produttivi di alleggerire l’intensità e di ridurre i tempi del riaggiustamento dei loro conti pubblici e dei loro conti con l’estero. Si tratta di un’azione che eviterebbe le pressioni deflazionistiche presenti nelle ricette di rilancio produttivo basate esclusivamente sulle condizioni dell’offerta (flessibilità del mercato, stimolo alla competitività, risanamento delle finanze pubbliche), quali quelle previste dal “Patto Europlus” della scorsa primavera. (Pizzuti, Bellofiore).

L’altro obiettivo della politica macroeconomica europea dovrebbe riguardare l’aspetto strutturale della promozione e il sostegno dell’occupazione attraverso sia progetti di sviluppo sostenibile funzionale alla riconversione ecologica dell’economia, sia programmi antipovertà nei confronti delle fasce sociali a rischio. Un intervento che richiede anche una ristrutturazione delle forme di prelievo che potrebbe essere centrato su un’imposta patrimoniale in un contesto di aliquote fiscali armonizzate a livello europeo (Palmer, Baranes). Ciò permetterebbe di contrastare le tendenze attuali alla disuguaglianza dei redditi e di garantire, con lo spostamento di fondi dalla ricchezza privata al finanziamento di investimenti pubblici, un assetto sociale più equilibrato. Il costo dell’assetto istituzionale è certamente la perdita (di parte) della sovranità fiscale delle singole nazioni, ma i vantaggi sarebbero notevolmente maggiori. Un’Europa in grado di adottare proprie “ricette” (Lunghini) per allentare i vincoli strutturali alla crescita disporrebbe anche di una maggiore capacità contrattuale da far valere nelle trattative sulle politiche commerciali a livello globale per guidare i processi di ristrutturazione delle proprie economie (Murer).

… e la politica finanziaria. Alla richiesta di una maggiore autonomia per la politica di bilancio si accompagna inevitabilmente l’esigenza di adeguare le forme del suo finanziamento permettendo la raccolta diretta di fondi sul mercato, anche attraverso l’emissione di propri titoli (eurobonds). La consapevolezza che la debolezza finanziaria dell’Europa penalizza le sue potenzialità di crescita e quindi il progetto politico sul quale si fonda, induce a condividere le proposte di innovazioni istituzionali, alcune avviate (Esm, il fondo salva-stati, l’imposta sulle transazioni finanziarie), altre discusse ma in attesa di essere considerate (eurobonds), altre ancora da discutere (default controllato, abolizione dei paradisi fiscali, creazione di un’agenzia europea di rating, riregolamentazione dei movimenti di capitale più speculativi di brevissimo periodo). (I veri creditori siamo noi, Tricarico) Sono tutti dispositivi importanti, ma l’aspetto più significativo sul quale va richiamata l’attenzione è la necessità che essi configurino un’architettura complessiva della politica finanziaria europea al cui interno essere organicamente collocati. L’esigenza è infatti quella di poter contare su un sistema di istituzioni che, per coerenza e completezza, funga da “ombrello” alla finanza europea, pubblica e privata, per fronteggiare gli attacchi (Comito).

La questione di quali disavanzi pubblici sono “cattivi”, e quindi da rimuovere, e quali quelli “buoni” da accompagnare nella loro evoluzione, non va lasciata a un mercato che si caratterizza per l’ottica di breve periodo e per obiettivi esclusivamente di profitto (Bellofiore). È necessario “disarmare” la finanza privata su questi terreni e attribuire il relativo potere a istituzioni (europee) in grado di fornire un giudizio attendibile sull’aggiustamento richiesto che tenga conto delle implicazioni, anche sociali, di lungo periodo. È quindi cruciale introdurre adeguate modalità di rifinanziamento dei bilanci pubblici, forme di garanzia del debito pubblico, meccanismi per il loro monitoraggio, procedure finalizzate a garantire i tempi e i modi più consoni di provvedere alla ristrutturazione dei propri conti al minor costo sociale. La difesa della finanza pubblica da attacchi speculativi è giustificata dalla necessità di tener sotto controllo gli effetti sistemici di particolare gravità che potrebbero essere innestati dal contagio di altre istituzioni non necessariamente in condizioni precarie, come si prospetta per le banche europee nell’attuale situazione in cui sembrano essere il bersaglio ultimo della speculazione aggressiva. Acquisire gli strumenti e la capacità di gestire eventuali situazioni critiche renderebbe inoltre ingiustificato il giudizio di fragilità finanziaria attualmente attribuito all’euro; ne beneficerebbe l’intera Unione.

In un contesto istituzionale così modificato, gli stessi obiettivi della Banca centrale europea andrebbero aggiornati per il necessario coordinamento con gli altri livelli della politica economica europea. Si rovescerebbe quel peccato d’origine che ha finito con l’attribuire all’euro il ruolo di obiettivo dell’unità politica, piuttosto che quello di strumento (Fassina). Se già oggi si assiste a modificazioni non marginali (acquisti sul mercato secondario di titoli dei paesi in difficoltà) nella conduzione della politica monetaria per adeguarla alla situazione che si sarebbe creata con la costruzione di istituzioni per la politica finanziaria. Sarebbe una profonda trasformazione dell’assetto istituzionale europeo in quanto, come emerge dal dibattito sulla Costituzione europea, sarebbe messa in discussione proprio quella forma di rigido supporto del mercato che, attribuito costituzionalmente alla Banca centrale, avrebbe dovuto modellare tutte le altre istituzioni dell’Unione (Ferrara).

Non va trascurata, infine, la possibilità di comportamenti opportunistici da parte di governi non disposti a gestire i loro conti pubblici nel rispetto degli impegni assunti a livello comunitario. (De Ioanna). La credibilità dei membri all’Unione è un problema rilevante per la stabilità dell’intera struttura istituzionale; il suo rafforzamento richiede pertanto un sistema consensuale di incentivi e di sanzioni nei confronti di coloro che possono essere tentati a non rispettare le regole e ciò inevitabilmente richiede un’ulteriore delimitazione della sovranità fiscale dei singoli paesi. Ma non nei termini proposti dall’ipotesi di costituzionalizzare il vincolo del pareggio di bilancio poiché tale modalità di controllo è basata sull’imposizione di regole fisse e di delega delle scelte politiche alle forze economiche che è profondamente contraddittoria con l’esigenza presente nel dibattito di riappropriarsi, in un contesto di scelte democratiche, della discrezionalità e della responsabilità della politica economica (Mortellaro).

Ridefinire gli obiettivi della politica macroeconomica europea. Sono queste considerazioni che rendono rilevante, sia nella riflessione che nella prassi politica, la costruzione di un sistema istituzionale che garantisca una governance democratica dell’Unione in grado di sfuggire alla subordinazione totalizzante dei mercati (Lundvall), di affrancarsi da quel “senato virtuale” dei prestatori di fondi internazionali autoinvestitisi del potere di decidere quale futuro debba spettare ai popoli (Lunghini).

L’aggettivo “democratica” che qualifica la governance è la qualità che si richiede alle nuove istituzioni europee affinché il loro operare sia finalizzato alla realizzazione del “modello sociale europeo” (Gianni, Gallino). Si tratta senz’altro di disporre di un terreno in cui è possibile perseguire gli obiettivi alti di sviluppo sostenibile, di lotta alla povertà e di garanzia della pace (Ragozzino), ma anche di promuovere quelle condizioni di trasparenza e di assunzione di responsabilità che permettano l’efficace monitoraggio e il controllo sociale delle scelte adottate. È un’esigenza fondamentale per controbilanciare l’inevitabile ulteriore trasferimento della sovranità (fiscale) a livello sovranazionale (Kaldor).

 

3. L’Unione economica e sociale: la governance democratica

Il modello sociale europeo come punto di riferimento. La costruzione di un assetto finanziario europeo comporta inevitabilmente un accentramento delle decisioni rilevanti sia per l’evoluzione di breve periodo che per la sostenibilità della società europea nel lungo periodo e pertanto richiede un parallelo rafforzamento delle strutture politiche attraverso le quali si realizzano le scelte democratiche. Il riferimento alla democrazia non va inteso in senso formale, dato che la costruzione e la gestione di un apparato così complesso non sarebbe giustificato se l’obiettivo fosse semplicemente quello di adattarsi a una società di mercato. L’impegno per una tale realizzazione ha senso solo se lo scopo è quello di governare le asimmetrie nazionali esistenti in una prospettiva di sviluppo di un modello di società, quale quella rappresentata dall’Europa del welfare, che garantisca una crescita economicamente e socialmente sostenibile nella realizzazione di una democrazia di qualità. (Gallino).

Per quanto non univocamente presente sul continente (Franzini), il “modello sociale europeo” è pur sempre quello che più si avvicina a quella “identità europea” che Castells individua nei “sentimenti condivisi sulla necessità di una protezione sociale universale delle condizioni di vita, la solidarietà sociale, un lavoro stabile, i diritti dei lavoratori, i diritti umani universali, la preoccupazione per i poveri del mondo, l’estensione della democrazia a tutti i livelli” (Lundvall). È evidente che una tale prospettiva impone che si costruiscano istituzioni europee che non siano gregarie del mercato (Fassina), ma sappiano tenere la rotta per sollecitare e incanalare comportamenti favorevoli allo sviluppo della democrazia e per promuovere, in quanto meccanismo redistributivo alternativo al mercato, la crescita sostenibile e il rafforzamento del welfare in vista della riduzione delle disuguaglianze tra i paesi e all’interno di ciascuno di essi (Amato, Melloni, Mattei, Frassoni).

La gravità della crisi gioca a questo riguardo in modo ambiguo. Da un lato, rappresenta una formidabile spinta alla trasformazione del modo in cui sono attualmente governate le società europee (Schiattarella), ma dall’altro, porta a ripetere in forma accentuata le scelte del passato fondate sul mercato. La crisi economica ha evidenziato la crisi della politica, della sua capacità a a definire una visione della società futura e a governare la sua realizzazione. È evidentemente in gioco è il ruolo dello Stato e quindi della politica. Dal modo in cui si risolverà la crisi ne potrà risultare rafforzata la subordinazione dello Stato alla finanza e al mercato, oppure all’ente pubblico verrà riattribuita, in un quadro diverso di obiettivi e di strumenti e con istituzioni pubbliche innovate, il ruolo di fattore del progresso sociale (Rossanda).

Le difficoltà politiche e sociali.Per una prospettiva di innovazione istituzionale quello che sembra mancare all’Europa è il “capitale politico”. Di ciò testimoniano le difficoltà che l’Unione incontra nel trovare una soluzione di ampio respiro per salvare alcuni suoi stati-membri, ma soprattutto per i ritardi che registra nel prendere coscienza del pericolo che sta correndo il suo stesso progetto. (Leon et al.) È drammatica la sua irresolutezza a rivendicare un proprio ruolo autonomo nel sostenere lo sviluppo della società europea in una fase storica nella quale la finanza internazionale spinge per ridimensionare lo Stato di welfare e le forme di democrazia che su di esso si fondono.

La posta in gioco è politica: il contenuto civile dell’Unione. È la questione della governance democratica dell’Unione europea, la cui attuale fragilità emerge dal combinarsi della concentrazione dei poteri decisionali in ambiti sovranazionali con la rilevanza che assumono nelle scelte di fondo gli umori di elettorati contrapposti sulla base degli interessi nazionali. (Balbo) L’asse Merkel-Sarkozy appare essere il governo economico europeo autoproclamatosi al di fuori di qualsiasi rappresentanza democratica e in assenza di un confronto nelle sedi istituzionalmente definite. Il consolidarsi del direttorio franco-tedesco stravolge il senso dell’Unione europea poiché pone gli stati economicamente più fragili in una posizione subalterna: la loro debolezza finanziaria, rendendoli dipendenti dall’aiuto dei paesi forti, rischia di trasformarli in semplici amministratori di politiche altrui (Gianni, Mortellaro).

La costruzione di una democrazia interstatuale più avanzata –alternativa all’adattamento “passivo” alle prescrizioni dell’economia globale – appare molto problematica se si considera quanto le decisioni assunte a livello europeo siano fortemente condizionate dai sentimenti nazionalistici di un elettorato privo di una visione autenticamente europea (Balbo, Bruno): la paralisi che dimostra la Germania su questo terreno cruciale è una tragedia tedesca e europea (Guèrot). Inoltre l’incertezza dovuta alla situazione di crisi non favorisce certamente una risposta avanzata da parte degli ampi strati sociali che ne sono colpiti; ma la lontananza dei cittadini dalle decisioni prese a livello europeo moltiplica la sfiducia nei confronti dell’Unione dando spazio a chiusure populistiche e nazionalistiche (Palmer). Se l’unico modo per contrastare il dominio del mercato e il facile populismo consiste nel rifondare il primato alla politica, allora è viva la preoccupazione che le forze di sinistra non siano in grado di predisporre un’appropriata agenda innovativa, vivificata da un continuo e approfondito confronto a livello europeo, capace di indicare linee convincenti di lungo periodo e conseguenti politiche di breve periodo in grado di sovrastare le difficoltà oggettive di comunicazione e quelle soggettive elettorali (Mortellaro, Frassoni).

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Gli errori dell’Europa

Gli errori dell’Europa Parla Luciano Gallino

Il manifesto, 24.09.2011

http://www.ilmanifesto.it/archivi/commento/anno/2011/mese/09/articolo/5417/

Quali sono stati i punti deboli della formazione dell’Ue? 

 La Ue è nata con due gravi difetti strutturali, insiti nello statuto e relative funzioni della Commissione Europea e della Bce. La Ce

Luciano Gallino

opera di fatto come il direttorio della Ue, ma non è stata eletta da nessuno, le sue posizioni differiscono sovente da quelle del Parlamento europeo, organismo eletto, e appare in troppi casi funzionare come la cinghia di trasmissione dei dettami iperliberisti dell’Ocse e del Fmi.
Da parte sua la Bce è una banca centrale di nome, che però opera solo parzialmente come tale. I paesi entrati nell’euro hanno rinunciato al potere più importante che uno stato possa detenere: quello di creare denaro. Oggi solo la Bce può farlo. Ma lo fa male e in modo indiretto, ad esempio concedendo per anni imponenti flussi di credito alle banche che poi creano denaro privatamente con i prestiti che concedono a famiglie e imprese. Il maggior limite della Bce deriva dal suo statuto, che le impone come massimo scopo quello di combattere l’inflazione, laddove una banca centrale dovrebbe avere tra i suoi scopi anche la promozione dello sviluppo e dell’occupazione. Va notato ancora che la sua indipendenza dai governi maschera in realtà la sua dipendenza dal sistema finanziario e la sua mancanza di responsabilità sociale in nome di un ottuso monetarismo.  Democratizzare la Ce e la Ue sarebbero compiti impellenti per i governi europei, se non fosse che per governi di destra, come di fatto son diventati quasi tutti, in fondo una governance non democratica e socialmente irresponsabile della Ue non è poi un gran male.
 La centralità della moneta unica, come esclusivo campo d’unità europea, quali vuoti ha prodotto nello sviluppo economico degli stati membri?
Gli stati della zona euro hanno ceduto il potere di creare denaro, com’era necessario per creare una grande realtà politica ed economica quale è  la Ue, ritrovandosi poi senza  una  banca centrale che presti loro,  in caso di reale necessità,  il denaro occorrente. La Bce dovrebbe operare come un prestatore di ultima istanza – così sostengono vari economisti – non diversamente da quanto avviene con altre banche centrali quali la Fed o la Bank of England.  Tuttavia il suo statuto  per ora le impedisce di assumere in modo diretto un simile fondamentale ruolo e potere.  Ciò ha influito negativamente in tutta la Ue sulla possibilità di condurre politiche economiche e sociali adeguate alla situazione dell’economia europea e mondiale. Le economie più forti, quali la Germania e la Francia, ne sono uscite meglio – non da ultimo perché i banchieri tedeschi e francesi che siedono nel consiglio della Bce han fatto tutto il possibile per evitare troppi danni alle banche dei loro paesi.
Cos’è mancato di più, nel processo unitario, dal punto di vista sociale?
Se c’è un elemento che più di ogni altro potrebbe e dovrebbe fondare l’unità della Ue è il suo modello sociale, cioè l’insieme dei sistemi pubblici intesi a proteggere individui, famiglie, comunità dai rischi connessi a incidenti, malattia, disoccupazione, vecchiaia, povertà. Sebbene il modello sociale europeo presenti notevoli differenze da un paese all’altro, nessun altro grande paese o gruppo di paesi al mondo offre ai suoi cittadini  un livello paragonabile di protezione sociale – la più significativa invenzione  civile del XX secolo. Ne segue che i governi Ue che attaccano lo stato sociale sotto la sferza liberista della troika Ce, Bce e Fmi, nonché del sistema finanziario internazionale, minano le basi stesse dell’unità europea, oltre a fabbricare recessione per il prossimo decennio e piantare il seme di possibili svolte politiche di estrema destra.
Alla luce della crisi attuale, perché l’Ue appare impotente?
Anzitutto perché non ha ancora alcuna istituzione che svolga qualcosa di simile alle funzioni di un governo centrale democraticamente eletto e riconosciuto dalla maggioranza dei suoi cittadini. Di conseguenza ciascun paese pensa per sé. A ciò contribuisce pure lo strapotere del sistema finanziario internazionale, in assenza di qualsiasi riforma che sappia arginarlo. Inoltre, se si guarda ai singoli paesi, i  partiti al potere hanno un orizzonte decisionale di pochi mesi, ovvero pensano soprattutto alle prossime elezioni, mentre dovrebbero ragionare su un arco di più anni.  Peraltro l’impotenza deriva anche da una diagnosi sbagliata – quando non sia volutamente artefatta – delle cause della crisi di bilancio. Quest’ultima viene concepita come se derivasse da un eccesso di uscite generato dai costi dello stato sociale, laddove si tratta in complesso di un calo delle entrate che dura da oltre un decennio. Esso è stato causato da diversi  fattori: i salvataggi delle banche, che solo nel Regno Unito e in Germania sono costati un paio di trilioni di euro;  le politiche di riduzione dell’onere fiscale concesse ai ricchi, che hanno sottratto centinaia di miliardi ai bilanci pubblici (in

Parlamento Europeo

Francia, ad esempio, tra i 100 e i 120 miliardi nel decennio 2000-2009);  infine il fatto che grazie alle delocalizzazioni le corporation pagano le imposte all’estero, dove tra l’altro sono minime, e non nel paese d’origine. Ancora in Francia, per dire, si è molto discusso del caso Total, il gigante petrolifero che nel 2010 ha conseguito 12 miliardi di utili, ma in patria – del tutto legalmente – non ha pagato un euro di imposte (salvo qualche milioncino che vale come indennizzo ai comuni dove opera ancora qualche suo impianto). Ora se un governo è ossessionato dall’idea che il deficit sia dovuto unicamente a un eccesso di spesa sociale punta a tagliare quest’ultima, cercando però al tempo stesso di evitare ricadute negative in termini elettorali, e per la medesima ragione  si rifiuta di accrescere le entrate alzando le imposte ai benestanti, o alle imprese delocalizzate. E’ ovvio che non fa differenza se quel governo sa benissimo che la diagnosi è errata, ma la abbraccia per soddisfare le forze economiche cui ritiene di dover rispondere.  In ambedue i casi il risultato sono manovre che picchiano soltanto sui più deboli, mentre le radici reali della crisi non sono nemmeno intaccate.
I vincoli di bilancio quali conseguenze hanno sull’economia «reale»?
Le più visibili sono l’aumento della disoccupazione e del lavoro precario. I licenziamenti in tanti paesi di centinaia di migliaia di dipendenti della PA, insegnanti compresi, i tagli alle spese dei ministeri ed ai servizi resi dai comuni, a partire dai trasporti pubblici, l’aumento delle imposte indirette come l’Iva, comportano nell’insieme una riduzione dei consumi e con essa una minor domanda di beni e servizi alle imprese.  Queste reagiscono licenziando o assumendo quando capita solo con contratti a termine, il che genera altra disoccupazione, in un minaccioso avvitarsi dei processi economici verso il basso.
Ha senso, come alcuni fanno, auspicare il default o il ritorno alle monete nazionali?
Sarebbe una pura follia. In primo luogo il ritorno a diciassette monete diverse  solleverebbe difficoltà tecniche assai complicate da superare, poiché l’integrazione economica, finanziaria e legislativa tra i rispettivi paesi ha fatto nel decennio e passa dell’euro molti passi avanti. Inoltre parecchi paesi avrebbero a che fare con tassi di scambio catastrofici. Tra di essi vi sarebbe sicuramente l’Italia. Il giorno dopo un eventuale ritorno alla lira ci ritroveremmo con il  franco a 500 lire (era a 300 quando venne introdotto l’euro),  il marco a 2000 (era a 1000) e la sterlina a oltre 3000. A qualche imprenditore simili tassi possono far gola, poiché favoriscono le vendite all’estero; ma essendo quella italiana un’economia di trasformazione, che all’estero deve comprare tutto, dal gas ai rottami di ferro, il costo degli acquisti dall’estero  le infliggerebbe un colpo insostenibile.
Gli stati, i governi hanno ancora qualche margine di manovra e qualche peso sulle decisioni di fondo o tutto è nelle mani di Fmi, Bce o Commissione di Bruxelles?
La troika in questione ha di fatto espropriato i paesi Ue della loro sovranità – con l’eccezione della Germania per la sua capacità produttiva e del Regno Unito perché ha conservato una moneta sovrana. Senza le riforme strutturali della Ue, implicite in ciò che dicevo all’inizio, essa continuerà a dettar legge.
Che giudizio dà sulla manovra italiana? E sull’atteggiamento un po’ rassegnato – sul merito – delle opposizioni parlamentari?
La manovra italiana è una fotocopia sbiadita delle solite ricette che la troika di cui sopra trasmette regolarmente ai paesi in difficoltà. Di certo essa accrescerà la disoccupazione, impoverirà ulteriormente il paese, ponendo così le basi per dieci anni di recessione – teniamo conto che il nostro Pil è ancora parecchi punti al disotto del livello raggiunto nel 2007 – e per giunta non servirà in alcun modo a ridurre il debito pubblico. Su questo fronte l’opposizione difficilmente poteva opporsi all’ultimo momento, poiché quando la nave sta affondando uno cerca di salvare il salvabile, piuttosto che continuare a insistere sui difetti di progettazione della nave. Peraltro le opposizioni hanno avuto anni per chiamare i cittadini a discutere su tali difetti, quelli della povera scialuppa del  governo ma anche quelli della nave Ue, e provare a disegnare insieme con loro un progetto diverso.  Non mi pare che finora le loro proposte abbiano lasciato traccia di sé, nella memoria dei cittadini o nei documenti.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

Uragano in arrivo

Guido Viale, il manifesto 12 luglio 2011

Tanto tuonò che piovve. Messa a confronto con la potenza della finanza internazionale, la situazione dell’Italia si rivela ormai ben poco differente da quella della Grecia. Non importa che i cosiddetti “fondamentali” dell’economia siano differenti. La finanza internazionale ha ormai la forza e gli strumenti, se lo volesse, per mettere alle corde persino la Germania. È da mesi che gli economisti lo sanno (o lo temono). Ma non lo dicono, per scaramanzia. Al massimo lo accennano; ma solo per chiedere più lacrime (le loro: di coccodrillo) e più sangue (quello di chi non ne ha quasi più).

Il problema è che non sanno che altro dire, Mario Draghi, per esempio, ha affermato che non ci sono precedenti di fallimento (default) di uno Stato da cui trarre insegnamenti. Intanto non è vero e, vista la posizione che andrà a occupare sarebbe meglio che anche lui – e non solo lui – studiasse meglio il problema. Perché non c’è solo la Grecia, né solo gli stati membri più deboli  – i cosiddetti PIGS, a cui ora si è aggiunta anche l’Italia: PIIGS – a essere a rischio. Persino Obama teme il default: e non ha solo il problema, anche lui, dei tagli di bilancio: tra un po’ deve rinegoziare una fetta di debito e potrebbe non trovar più sottoscrittori disponibili come un tempo, poi deve confermare l’ultimo stock di moneta creata dal nulla: una cosa (che adesso si chiama quantitative easing) con cui gli Stati Uniti hanno dominato l’economia mondiale per sessant’anni, ma che non è detto gli riesca ancora. Neanche la Francia naviga in buone acque. E la Germania, locomotiva d’Europa, vive di export verso il resto del continente e verso la Cina. Ma se metà dei paesi membri dell’Ue sarà messa alle strette la bonanza tedesca potrebbe finire. E neanche la Cina va più tanto bene: scioperi, rivolte, aumenti salariali vertiginosi, inflazione, “bolle” finanziarie. Ben scavato vecchia talpa, direbbe Marx. Se sullo sfondo non ci fosse una crisi ambientale di dimensioni planetarie. Insomma: non c’è “aria di crisi”. C’è un uragano in arrivo.

Per mesi gli economisti hanno trattato Tremonti come un baluardo contro il default del paese: solo perché lui sostiene di esserlo. Ma è un ministro – il secondo della serie – che non si accorge nemmeno che la casa dove abita viene pagata, vendendo cariche pubbliche a suon di tangenti, da una persona con cui (e con la cui compagna) lui lavora da anni  gomito a gomito. Affidereste a quest’uomo i vostri risparmi?

Qualcuno però ha trovato la soluzione: azzerare tutto il deficit pubblico subito. “Lacrime e sangue” ora e non tra due anni: così Perotti e Zingales su Il Sole 24 Ore di sabato scorso. Tagliare pensioni, sussidi alle imprese, costi della politica; e giù con le privatizzazioni. Che originalità! Segue un bell’elenco di “roba” – aziende e servizi pubblici – da vendere subito (per decenza non hanno citato anche l’acqua). Per le manovre “intelligenti”, aggiungono gli autori, non c’è tempo. Infatti la loro proposta non è una manovra intelligente. Intanto, in queste condizioni, vendere vuol dire svendere. E azzerare il deficit non è possibile, perché poi, anche se non si emettono nuovi titoli, bisognerà rinegoziare quelli in scadenza; i tassi li farà la finanza con le sue società di rating; e non saranno certo quelli di prima. Così il deficit si crea di continuo, in una rincorsa senza fine. Prima o dopo il default arriva. Naturalmente, per mettere alle corde pensionati, lavoratori e welfare, e svendere il paese, ci vuole il “consenso”, ci avvertono gli autori. Per loro il consenso è il “coinvolgimento dell’opposizione”. Forse ci sarà: ma non servirà a niente.  Perché il consenso è un’altra cosa: è il coinvolgimento delle donne e degli uomini che hanno animato l’ultima annata di resistenza nelle fabbriche, di mobilitazioni nelle piazze, di occupazione di scuole e università, di campagne referendarie, di elezioni amministrative, di processi molecolari per ricostruire una solidarietà distrutta dal liberismo e dal degrado politico, morale e culturale del paese. È il popolo degli indignados, che ormai, con i nomi e le proposte più diverse, ha invaso la scena anche in Italia: forse con una solidità persino maggiore, dovuta a una storia più lunga, che risale indietro nel tempo, fino al G8 di Genova; e forse anche a prima. Un popolo che quel consenso non lo darà mai.

Se per Perotti e Zingales il problema è “ far presto” , per altri economisti continua invece a esser la crescita: non quella che permette di ricostruire i redditi e occupazione strangolati; ma quella necessaria per ricostituire un “avanzo primario” nei conti pubblici, con cui azzerare il deficit e cominciare a ripagare il debito ai pescecani della finanza internazionale: ben nascosti dietro che ha investito in Bot qualche migliaia di euro. Questi economisti li rappresenta tutti Paolo Guerrieri sull’Unità del 10.7: “Il paese è fragile – spiega – ma la ricetta per la crescita la conosciamo tutti”. E qual è? “Concorrenza, nuove infrastrutture (il Tav?) , ricerca (di che?), liberalizzazione (forse voleva dire “privatizzazione”) dei servizi (anche dell’acqua?). Cose che sappiamo – aggiunge – ce l’hanno consigliate tutti”. Paolo Guerrieri ha appreso questa ricetta dall’economia mainstream e probabilmente continuerà a insegnarla ai suoi allievi per tutto il resto della vita. Pensa che per tornare alla crescita, che per lui è la “normalità”, basti premere un bottone; perché il disastro attuale è solo una momentanea interruzione: non si sa se dovuta agli “eccessi” della finanza o all’inettitudine di Berlusconi.

Guido Viale

Ma le cose non stanno così. In un mondo al cappio, è la finanza internazionale che fa le “politiche economiche”. Quelle che vedete. Gli stati non ne fanno più; o ne fanno solo più quel poco che la finanza gli permette di fare; a condizione di poter continuare a speculare e a mandare in malora il pianeta. Anche “la crescita”, ormai, le interessa solo fino a un certo punto; se non c’è, poco male: per lo meno finché restano pensioni, salari, welfare, servizi pubblici e beni comuni da saccheggiare. Non è la prima volta nella storia che questo succede. Anche Luigi XIV, il Re Sole, diceva: dopo di me, il diluvio.

Adesso sta a noi – a tutti gli “indignati” che non accettano questo stato di cose e questo futuro – ricostruire dal basso quello che Stati e Governi non sono più in grado di promuovere; e nemmeno di concepire. Cioè il progetto di una società, di un sistema produttivo e di modelli di consumo condivisi, più equi, più sobri, più efficienti, più onesti; ma soprattutto le strade da percorrere – itinerari mai tracciati – per realizzarli. E tutto in un mondo che sarà sempre più – e a breve – cosparso di macerie: sociali, ambientali e morali. Ma anche di reazioni furibonde e, verosimilmente, violente (basta pensare all’occupazione militare della Valle di Susa per imporre il “loro” modello di crescita; o a quella della Campania per imporre la “loro” gestione dei rifiuti). Non sarà una passeggiata per nessuno.

Un programma per realizzare quel progetto oggi non c’è; e non c’è il “soggetto” – per usare un’espressione ormai logora – per elaborarlo e portarlo avanti. Non a caso. Perché è un programma irrinunciabile plurale; che può nascere solo dal concorso di mille iniziative dal basso, se saranno in grado di tradursi in proposte che consentano un coordinamento e se avranno la capacità di imporsi con la forza della ragione sui numeri. Ci aiuta il fatto che per ciascuno di noi l’agire locale è sempre orientato da un pensiero globale. L’opposto di quello che fanno i Governi e le forze che li sorreggono. Provocano disastri globali in nome delle convenienze dettate da un meschino pensiero locale. La disfatta della cosiddetta governance europea non è altro.

Tra i criteri ispiratori della nostra progettualità c’è innanzitutto un salto concettuale: nell’era industriale lo “sviluppo” economico è stato promosso e diretto dall’aumento della produttività del lavoro. Che è andata talmente avanti che oggi è praticamente impossibile misurare il valore di un bene con la quantità di lavoro che esso contiene, anche se ci sono ancora – e sono tanti – dinosauri come Marchionne che lasciano credere di poter battere la concorrenza tedesca o cinese rubando agli operai dieci minuti di pausa, qualche ora di straordinario, o qualche giorno di malattia. Tutto ciò è avvenuto a scapito dell’ambiente e delle sue risorse, saccheggiate come se non avesse mai fine. Da ora in poi, invece, si tratta  di valorizzare le risorse ambientali e renderle sempre più produttive: con la condivisione, la sobrietà, l’efficienza, il riciclo, le fonti rinnovabili, la biodiversità (ecco un modo di distinguere la ricerca che vogliamo dalle vuote declamazioni in suo favore). Perché è dall’uso più accorto delle risorse che dipende anche la produttività del lavoro, che non può più essere misurata in giorni, ore, minuti e secondi; ma solo con grado di cooperazione e condivisione che quell’uso saprà sviluppare.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Val di Susa, la Tav si accaparra solo incubi

Trovato su: http://eddyburg.it/article/articleview/17286/0/162/

Di Paolo Berdini, il manifesto 09.07.2011

La Grecia non insegna nulla ai fautori della TAV, i quali continuano a raccontar balle e a non rispondere alle domande di merito. Il manifesto, 9 luglio 2011

L’accusa più falsa che viene veicolata dal gigantesco network in mano ai poteri forti, riguarda la “perdita” di 670 milioni di finanziamento europeo per realizzare la grande opera causata dalla cecità dei movimenti. Pochi giorni fa sul manifesto, Marco Revelli ha ribadito la verità: se si accetta di prendere il modesto finanziamento si perderanno i 20 miliardi di euro necessari a costruire una gigantesca e inutile grande opera.
20 miliardi di dollari è l’ammontare del debito contratto da Atene per coronare il grande sogno di perseguire la grande opera per eccellenza: le Olimpiadi che si svolsero nel 2004. Era il 1997 quando la capitale greca avanzò la candidatura e in breve tempo si creò il comitato d’affari necessario al raggiungimento del sogno. Grandi banche pronte a finanziare il debito, grandi imprese europee pronte a accaparrarsi i ghiotti appalti finanziati a debito con i soldi pubblici. Il fallimento economico dell’evento fu devastante. Le prime stime del 1997 parlavano solo di 1, 3 miliardi di dollari. Qualche anno dopo, il costo era quadruplicato, salendo a 5 miliardi. A consuntivo sono stati spesi 20 miliardi di euro. Alcuni economisti parlano di una voragine ancora maggiore. Dietro al sogno si nascondeva un incubo.
Le città -in quel caso la meravigliosa Atene- e i territori –in questo caso la val di Susa- sono diventati feudi di proprietà di un ristretto gruppo di istituti di credito, di grandi imprese, di società di rating pronte a seminare il panico sui mercati finanziari. Finanziano la spesa pubblica, se ne impadroniscono -guadagnando fiumi di denaro- e poi chiedono il conto all’intera società. In questi giorni sono stati concessi alla Grecia dall’Unione Europea 120 miliardi di euro di prestiti (il 20% circa serve per sanare il buco olimpico, dunque), e il motivo principale del prestito è che le banche europee rischiavano altrimenti di perdere parte del credito. Con la dilazione del credito riprenderanno i loro soldi e metteranno in vendita un’intera nazione.
La val di Susa sta dimostrando con studi concreti che il fallimento economico della realizzazione della Tav è certo. Non potranno esserci ritorni in termini di passeggeri perché il bacino d’utenza è oggettivamente ristretto. Non potranno esserci ritorni per il transito merci sia perché è dubbio che venga realizzata la linea ad alta capacità, sia perché in Svizzera sono già meglio attrezzati di noi. Nel caso dunque che l’opera andasse avanti per la cecità di chi ci governa e di un opposizione parlamentare culturalmente annientata, tra poco più di un decennio l’intero paese sarà costretto a pagare il debito che avremo contratto per finanziare le imprese e le banche che tengono in ostaggio il nostro ceto politico.
La battaglia della val di Susa assume dunque un valore straordinario. Azzerare l’opera significa risparmiare un fiume di soldi che potrà essere dislocato su altre poste di bilancio. Dal sostegno all’economie locali, ai progetti di messa in sicurezza del territorio e delle città, alla realizzazione dei servizi sociali che ancora mancano lì e in tante altre valli. Altre imprese beneficeranno dei finanziamenti oggi indirizzati solo a quelle poche che controllano il mondo dell’informazione. Un’altra agenda di lavoro, dunque: da un’unica inutile grande opera a tante piccole opere che nel loro insieme fanno un grande progetto di sviluppo. Il territorio come bene comune.
E di fronte a questa sfida, fa pena dover leggere il commento su quanto accade in val di Susa da parte del sindaco di Torino che ha affermato che essere contro la Tav è segno di “regressione culturale”. Parla per se stesso, ovviamente, e per coloro che ancora fanno finta di credere nella favola che le grandi opere portano sviluppo. Portano invece il mostruoso debito che oggi strozza la Grecia. Devono evidentemente nascondere quanto sta oggi avvenendo con spirito bipartisan. Quando Atene vinse la “sfida” olimpica che avrebbe contribuito al collasso economico del paese ellenico aveva di fronte la candidatura della Roma guidata dal centro sinistra. Non contento dello scampato pericolo, in questi ultimi due anni il sindaco Alemanno ha nuovamente candidato la città per le Olimpiadi del 2020 e maggioranza dell’opposizione capitolina rappresentata dal Pd non ha fatto battaglia. Anche ora che le intercettazioni telefoniche a carico di Bisignani e soci svela l’intreccio vergognoso degli interessi e delle speculazioni da parte di coloro che cantavano le lodi della candidatura, prima fra tutti l’Unione degli industriali laziale.

Evidentemente una parte della sinistra è ormai incapace di rompere la subalternità culturale con cui ha guardato alla globalizzazione e il futuro sta nell’intelligenza collettiva della val di Susa.

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Sull’onda anomala degli spread

EDITORIALE di Galapagos

Il Manifesto, 09.07.2011 pag. 1

 http://www.ilmanifesto.it/area-abbonati/in-edicola/manip2n1/20110709/manip2pg/01/manip2pz/306366/

L’editoriale con il quale ieri mattina il Financial Times ha commentato la manovra varata da Berlusconi sottolineando che c’è una certa confusione sui numeri e che mancano vere riforme, ha anche profeticamente anticipato: «l’Italia naviga ancora sull’orlo della tempesta». E ieri, per tutta la giornata, l’Italia ha «ballato» sui mercati internazionali sballottata dalle violente onde degli spread. Semplificando: i titoli del debito pubblico italiano (Btp) vengono giudicati parecchio meno affidabili di quelli (a parità di durata) della Germania, chiamati Bund. Il risultato è che il rendimento che debbono pagare i Btp italiani è molto più alto di quello che pagano i bund. Questo differenziale (lo spread) ieri è salito a 247 punti base, ovvero il 2,45%. Semplificando, i Btp italiani a 10 anni pagano tassi di interesse superiori al 5%, mentre quelli tedeschi, più affidabili, sono poco sopra il 3%. Non è cosa da poco per un paese che ha un debito pubblico di quasi 1.900 miliardi: la spesa crescente per interessi su una mole così enorme di debito rischia di vanificare tutti i sacrifici che impongono le manovre correttive.
In soccorso del governo, o meglio dell’economia italiana, è sceso in campo anche Mario Draghi. Per il governatore di Bankitalia, la manovra è un passo importante per il consolidamento dei conti e il pareggio di bilancio è credibile. Draghi ha affermato: «Vedo dai dispacci di agenzia che tensioni scaturiscono da timori di alcuni analisti circa le condizioni dei conti pubblici dell’Italia. La manovra di finanza pubblica decisa dal governo, come detto ieri dal presidente Trichet, costituisce un passo importante per il consolidamento dei conti pubblici. L’anticipo delle misure rende credibili il raggiungimento del pareggio del bilancio nel 2014 e l’avvio di una tendenza al calo del rapporto debito/Pil».
La tensione sui mercati è andata avanti tutta la giornata e in Italia ha penalizzato anche Piazzafari: l’indice Mib ha chiuso con un crollo di quasi il 3,5%, percentuale, di molto superiore alla flessione registrata delle altre borse europee. E nel ciclone sono finiti anche i tassi sui Btp che hanno registrato una pessima risalita fino, appunto, a toccare un spread di 247 punti base con i Bund. Ovviamente la tendenza alla crescita degli spread è generalizzata: in sofferenza è il debito sovrano di tutti i paesi marginali. Non a caso un altro paese sotto tiro è la Spagna i cui tassi sui «decennali» sono vicini alla soglia del 6%. Indubbiamente, alla base dell’aumento degli spread ci sono motivazioni esogene: la forza della Germania, la speculazione che non dà tregua, la debole crescita dell’economia Usa confermata ieri dal dato sul nuovo aumento del tasso di disoccupazione che ha spinto gli investitori a puntare sulla Germania perché in queste condizioni la Bce non aumenterà i tassi. Tuttavia la speculazione trova alimento anche in motivazioni endogene, cioè interne all’Italia.
Olte quello che scrive il Financial Times (che non è poco) occorre aggiungere che la vicenda di Marco Milanese che coinvolge indirettamente Tremonti non è un buon viatico. Allo stesso tempo non è positivo il dato diffuso ieri dall’Istat sul calo dela produzione industriale in maggio, a conferma che la crescita italiana è troppo lenta e, nonostante gli annunci del governo, non sono stati programmati efficaci interveti di stimolo. Magari anticipando la stangata al 2012, utilizzando parte dei soldi non a risanamento dei conti pubblici, ma in incentivi alla domanda. Però Tremonti, che dà del cretino a quasi tutti, ha affermato che la Ue non ci chiedeva di anticipare la manovra e quindi lui non l’ha anticipata. Forse qualcuno dovrebbe spiegargli la differenza tra un contabile e un ministro dell’economia.
Intanto non si placa la polemica sul ruolo delle tre grandi agenzie di rating che con i loro giudizi offrono ampi spazi alla speculazione. Un giudizio durissimo su Mooody’s, Fitch e S&P è arrrivato ieri da Josè Manuel Gonzalez-Paramo, membro del Comitato esecutivo della Bce: le agenzie internazionali di rating «erano parte del problema prima della crisi e continuano a esserlo». Poi ha aggiunto: «Penso che ci sia un consenso a livello globale sulla necessità di renderci indipendenti dalle agenzie di rating e fare i compiti a casa per conto nostro, e cioè sulla base della nostra analisi» dei trend economici. Carol Sirou, presidente di S&P per l’Europa, ha indirettamente replicato affermando, in un’intervista al quotidiano francese Libération che «non sono le agenzie di rating a creare i problemi: le nostre valutazioni riflettono le difficoltà strutturali di un Paese». Molti però osservano che la società di rating in passato hanno commesso grossolani errori di valutazione e, cosa più grave, non sono (o non vogliono) spostare la loro attenzione dal breve al medio periodo. In altre parole non tengono mai conto degli sforzi di correzione dei conti dei paesi. L’esempio più recente è quello portoghese: l’abbassamento del rating è avvenuto subito dopo il varo di una manovra durissima.
Intanto, ieri è aumentato il costo dei contratti derivati (cds, credit default swap) per assicurarsi contro il rischio sul debito pubblico italiano di riflesso alle tensioni: per assicurare 10 milioni di debito pubblico italiano contro il rischio di default sono necessari 243.000 dollari contro i 219.000 dollari di giovedì. I cds a cinque anni sull’Irlanda sono saliti a 900 punti base, (+36 punti su giovedì) e quelli sul Portogallo 1.005 punti (+38), entrambi a nuovi record, mentre quelli sulla Spagna sono saliti di 16 punti a 318. In controtendenza la Grecia con un costo dei cds in calo di 19 punti ma sempre a livelli altissimi (2.100 punti base, ovvero il 21%). I cds portoghesi hanno superato quota 1.000 giovedì all’indomani del declassamento del rating da parte di Moody’s.
Come coda politica, si deve aggiungere la promessa del Pd: «Lunedì presenteremo un’interpellanza urgente per chiedere al governo di avviare l’iniziativa in sede europea per la sospensione immediata delle vendite allo scoperto di cds, degli strumenti derivati e dei titoli speculativi sui debiti sovrani». Per Francesco Boccia, coordinatore delle commissioni economiche del gruppo Pd alla Camera «è evidente che in un momento così critico per i mercati e per la debolezza politica del governo italiano, il nostro debito rischia di diventare il terreno preferito degli speculatori»

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

Ambiente e poteri forti nella città

Di Paolo Berdini

pubblicato su http://www.eddyburg.it/article/articleview/16233/0/307/

Alberto Asor Rosa nel delineare i caratteri di un nuovo ambientalismo ( manifesto del 17.11) sottolinea «il conflitto inesauribile e insanabile con i poteri forti dell’economia, della speculazione e dello sfruttamento». Concordo, e la sua analisi permette di ridare spessore all’elaborazione della sinistra. Provo ad articolare il ragionamento nel campo delle città e del territorio, dove si possono misurare quattro novità che hanno mutato i contorni del conflitto e impongono dunque di mutare strategia.
Innanzitutto la lacerazione dello storico “patto” tra cittadini e forze economiche dominanti . Lo sviluppo delle città era affidato ai piani regolatori e la tutela dell’ambiente ai vincoli previsti dalle prerogative costituzionali dell’Articolo 9. Nonostante scempi e violazioni, c’era comunque un sistema di regole che garantiva un quadro di legittimità. Il neoliberismo ha sostituito ogni regola con gli “accordi di programma” che mutano caso per caso il disegno delle città e azzerano i vincoli paesaggistici. La proprietà fondiaria, un ristrettissimo numero di persone, edifica dove e come vuole.
La seconda novità riguarda il carattere teoricamente infinito dell’offerta di nuove costruzioni. Si continua a ricoprire di cemento l’Italia perché “c’è mercato”. Uno dei pilastri dell’economia liberale classica sono le regole del gioco e nell’Europa civile le nuove costruzioni vengono programmate salvaguardando gli interessi pubblici. Non ci sono altrimenti dubbi che se si costruisse sulle colline ancora integre della Toscana, in ogni valle alpina o sulle coste ancora scampate dal cemento, si troverebbero potenziali acquirenti nei 50 milioni di ricchi russi, nei 200 milioni di nuovi ricchi cinesi. Poi verranno gli indiani e i brasiliani.
Non c’è chi non comprenda il baratro che si è aperto nell’aver supinamente accettato la favola del “mercato”: rischiamo la cementificazione del paese e non serve a fermarla neppure la tragica serie di alluvioni e frane. Oltre all’insipienza culturale dei gruppi dirigenti della sinistra, si dovrà mettere a fuoco l’intreccio perverso tra i proprietari delle aree da urbanizzare, le grandi banche e l’informazione (Messaggero, Mattino, Corriere della sera, Tempo, Gazzetta di Parma e un’infinità di giornali locali).
La terza novità è una diretta conseguenza della sinergia tra le due precedenti. Se non ci sono più regole e se non esiste più un limite all’ipertrofia urbana, si sta creando un corto circuito economico che porterà al collasso il tessuto produttivo del paese. La speculazione fondiaria ha davanti una comoda autostrada per rendere edificabili i terreni agricoli. Vengono comprati a 10 – 15 euro al metro quadrato e non appena l’accordo di programma li rende edificabili raggiungono il valore di almeno 200 euro. Con dieci ettari di terreno che cambia destinazione, la speculazione si mette in tasca 20 milioni di euro senza nessun beneficio per la collettività perché non si crea neppure un posto di lavoro. Il lavoro, la ricchezza per le città e per tanti lavoratori si crea costruendo. In Europa obbligano a farlo su terreni già edificati, dove i valori immobiliari sono elevati e chi costruisce guadagna soltanto sulle sue capacità imprenditoriali. Chi mai investirà nel difficile mestiere dell’imprenditore o dell’artigiano se stando comodamente seduti può mettersi in tasca una fortuna?
E veniamo infine all’ultima tragica novità italiana. I comuni non hanno più risorse per realizzare servizi sociali, parchi, trasporti scuole. Per tenere in piedi i bilanci, i comuni e le loro società strumentali hanno fatto ricorso all’indebitamento sottoscrivendo quei titoli spazzatura che hanno portato al tracollo l’economia occidentale. Roma ne ha sottoscritti per oltre un miliardo di euro. Milano un’altra valanga, e così via. Afferma Loretta Napoleoni che le pubbliche amministrazioni «invece di cercare di risparmiare, sono andate dalle banche d’affari. La banca dice: tu devi pagare queste fatture per i prossimi due anni? Bene: me le compro io, ti do subito i soldi, e intanto emetto obbligazioni che poi vendo in borsa».
Per tenere in piedi i bilanci, poi, tutti i sindaci, di qualsiasi colore politico, affermano che l’unico modo è quello di moltiplicare all’infinito nuove costruzioni. Ma se non ci sono più soldi sarebbe interesse di tutti bloccare l’espansione senza fine che ha interessato le città italiane nell’ultimi sedici anni. Come si può pensare di costruire nuovi quartieri quando non si hanno neppure i soldi per costruire l’illuminazione pubblica e quando ci sono infinite aree produttive dismesse e case vuote? Se questa è la diagnosi, non bastano vecchie ricette. Occorre cambiare gioco e provo ad elencare le mosse che dovremmo mettere in campo al più presto.
Primo. Occorre bloccare per legge ogni espansione urbana, vincolando i comuni a ricollocarle all’interno delle aree già edificate e in stato di abbandono. Il settore delle costruzioni è un pilastro dell’economia dei paesi europei, ma per aprire una fase virtuosa anche in Italia occorre rompere per sempre il circuito infernale della rendita assoluta. Questa legge potrebbe partire dal basso, seguendo la proposta di Guido Viale, raccogliendo firme in ogni angolo dell’Italia violentata dal cemento e contrastata dai mille comitati spontanei. Secondo. Concludere per sempre la criminale stagione degli accordi di programma: basta un semplice articolo. Strillerà (molto) il manipolo di speculatori che nel periodo del trionfo berlusconiano hanno conquistato le città e distrutto l’ambiente. Terzo. Occorre restituire ai comuni – in un quadro di rigoroso controllo della spesa- i soldi tagliati per metterli in grado di governare le città. Non so se questa proposta sia collocabile nel comoda casella “dell’estremismo”: lascio questo inutile esercizio alla fallimentare politica di questi anni, utilizzata ancora di recente dopo la splendida vittoria di Pisapia nelle primarie di Milano. So soltanto che è l’unica ricetta per ristabilire un futuro al nostro paese: ridare voce al popolo derubato in questi anni dei beni comuni per eccellenza, le città e l’ambiente.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,

Il mandante di se stesso

Di  Michele Prospero – Il manifesto, 19.01.2011

Silvio Berlusconi

Con il turbamento del Quirinale comincia a calare ormai il sipario su un re nudo e sempre più solo. E per questo imprevedibile. Berlusconi esce di scena (a meno di colpi di coda, di cui pure il pittoresco personaggio è sempre capace) non solo per le misere debolezze della carne che l’hanno messo nei guai fino al collo. La fine politica del vecchio statista post-democratico dalle insane voglie si era già consumata con l’immagine dissacrante di Fini che, con il dito indice alzato, rompeva platealmente con un capo sbigottito per la sua suprema potestà violata in pubblico da un possibile delfino.
Lì, nell’unica direzione che abbia mai convocato del suo partito personale, era già sancita la inappellabile sconfitta politica di Berlusconi. La maggioranza e il suo partito di plastica si erano all’improvviso dissolti al vento. Dopo di allora, il suo cadavere ha continuato a camminare ma appunto solo come uno spettro.

Con un tocco di sfrontata provocazione, ha persino imposto la dura legge dei (suoi) numeri alla logica piana della politica che a dicembre aveva progettato una indispensabile rivoluzione parlamentare per farlo fuori. Per tre voti è rimasto in sella e il suo fantasma ha continuato ad aggirarsi ancora nei luoghi del potere con la sola ambizione di durare qualche giorno in più. Gli sbrigativi metodi della contrattazione privata con i singoli deputati disponibili ad abboccare alle sue lusinghe lo hanno salvato dal baratro ma non gli hanno restituito certo una potenza politica. Proprio sul campo politico il cavaliere è stato sconfitto ma non costretto ad abdicare.
La notte della seconda repubblica non è calata improvvisa per la scoperta della costosa volontà di vitalismo sprigionata da un dorato corpo decrepito che scalpitava nelle segrete stanze di Arcore all’ombra di fanciulle in fiore. Non è vero che siano stati ancora una volta i magistrati a rimuovere l’ingombro di un capo scomodo e di per sé invincibile violando la dolce privacy di uno statista, come pretende un liberale un po’ confuso alla Piero Ostellino per il quale dentro la privata dimora del cavaliere cessa la legge e tace il diritto penale.

 L’azione giudiziaria non ha ucciso Berlusconi, ha solo reso percepibili i cattivi odori del suo inerme cadavere politico.
I giudici con la loro azione rendono solo improbabile l’intenso lavoro per rianimare la salma del cavaliere con vane proposte di pacificazione. Troppo costoso per tutti è diventato l’accorrere attorno a un relitto ormai incontrollabile. Persino la curia ha dovuto correre ai ripari dopo la rivelazione dello sfrenato edonismo del corpo del re. I più grandi maestri di relativismo e di gretto materialismo, e cioè proprio gli alti prelati, ora provano qualche imbarazzo nel riproporre lo scambio indecente tra un pugno di euro alle scuole private e l’indifferenza verso le più disinvolte cadute etiche del potere.
Si sta così consumando la tragedia di un capo con la velleità di esercitare una potestà assoluta di comando che si tramuta d’un colpo in uno zimbello un po’ ridicolo per la sua condotta sempre ricattabile. Non può più governare il cavaliere, ma ciò non significa che non abbia ancora le risorse estreme per nuocere. Il segreto del berlusconismo era la singolare e completa coincidenza tra la condotta irregolare dei vertici del potere e dei signori del denaro e l’immaginario profondo dei bassifondi della società. Gli ideologi del berlusconismo oltre al denaro come ideologia di se stesso sono stati non a caso Fede, Mora e Signorini, la De Filippi. La politica ridotta a narrazione festosa e sensuale ha finora unito in una simbiosi totale i vizi privati del potere e i sogni del pubblico spoliticizzato attratto dalle metafore del denaro e dalle sfrenate simbologie del desiderio. Questo è il populismo di massa sprigionato dal cavaliere e dai suoi incanti.

Attorno a Berlusconi ora restano pochi soldati fedeli. Anche gli atei devoti scesi in una donchisciottesca lotta santa contro l’islam ora sono costretti ad acrobazie spericolate e vanno alla improbabile ricerca di un qualche diritto del sultano a costruire un proprio harem. La caduta del capo è oramai inarrestabile. In condizioni come le attuali, con il prestigio del paese che precipita al livello del fango, in nazioni in via di sviluppo (ma l’Italia del “secondo ventennio” è ancora un paese che ha diritto a ritenersi civile secondo i canoni minimi delle economie di mercato e dello Stato di diritto?) sono di solito i vertici militari, ossia la porzione più moderna e occidentale dell’élite, a sollecitare il capo a togliere subito il disturbo.
Come sostituire Berlusconi? E’ chiaro che c’è oggi una grave emergenza nazionale. Le classi dirigenti che sostengono il governo (ma ce ne sono ancora di classi dirigenti in un parlamento di nominati?) dovrebbero loro staccare la spina. Non lo faranno, anche se la Lega, che non è un partito di plastica ma raccoglie fette di popolo reale, non è detto che sia disponibile al sostegno fino alle prove di supplizio. L’opposizione e il sindacato devono essere pronti ad affrontare una prova che potrebbe anche assumere i colori del dramma.

Contrassegnato da tag , , ,

Sognando Valletta

Di Loris Campetti

Il manifesto, 15.07.2010 http://www.ilmanifesto.it/archivi/commento/anno/2010/mese/07/articolo/3079/

Vittorio Valletta

Dal ricatto alla rappresaglia, la trasformazione di Sergio Marchionne in Vittorio Valletta procede alla velocità della luce. Il suo obiettivo è isolare e colpire la Fiom e piegare ogni resistenza operaia, prima con il ricatto e oggi, appunto, con i licenziamenti per rappresaglia contro l’unico sindacato che non è si piegato al suo cospetto.
L’amministratore delegato della Fiat non ha digerito l’esito del referendum di Pomigliano da lui stesso imposto, nell’intento di proclamare la pax taurinensis nella fabbrica campana ribelle. Il ricatto – lavoro in cambio di diritti – era stato rispedito al mittente dal 40% degli operai, e Marchionne, dopo giorni di rabbioso silenzio nella sua residenza americana, aveva dovuto abbassare la testa confermando l’investimento a Pomigliano per la produzione della Panda. Non era riuscito a isolare la Fiom, che anzi aveva raddoppiato i suoi consensi in fabbrica. Addirittura, la pax – presentata con una lettera agli operai in cui il postmarxista «liberal» decretava la fine della lotta di classe – è saltata a Torino, e a Melfi, e via via in tutte le fabbriche del gruppo. A Mirafiori si sciopera per avere quel che gli accordi prevedono, il premio di risultato: visto che si distribuiscono dividendi agli azionisti e optional milionari ai dirigenti, gli operai con uno stipendio falcidiato dalla cassa integrazione non capiscono perché a pagare debbano essere sempre e solo loro. Marchionne non ha fatto attendere la sua risposta: licenziato un delegato della Fiom. A Melfi si sciopera da due settimane contro l’aumento intollerabile dei ritmi, con la pretesa Fiat che la riduzione del lavoro da tre turni a due non comporti riduzione della produzione, imponendo agli operai di un turno la cassa integrazione e a quelli dei due turni restanti di spaccarsi la schiena alla catena di montaggio. Anche a Melfi la risposta è arrivata fulminea: un operaio in sciopero licenziato e due delegati della Fiom sospesi, in attesa di licenziamento. Marchionne tenta di praticare l’obiettivo, estendendo a tutti i dipendenti il divieto di sciopero illusoriamente strappato a Pomigliano con un diktat subìto dal 60% della fabbrica. Contro queste aggressioni la Fiom ha indetto per domani lo sciopero generale di tutto il gruppo Fiat.
Forse Marchionne sta sbagliando i conti. Non siamo negli anni Cinquanta, quando Valletta, con i soldi dell’ambasciatrice americana Luce – che consegnava gli «aiuti» del piano Marshall in cambio della liquidazione della Fiom e del licenziamento dei comunisti – e la polizia di Scelba, riuscì a piegare la resistenza operaia. Oggi, è vero, anche Marchionne ha un amico americano, e molto più potente della Luce, ma è escluso che a Obama freghi qualcosa della Fiom, di Pomigliano, Melfi e Mirafiori. Ma soprattutto, la Fiom del 2010 è altra cosa dalla Fiom dei primi anni Cinquanta che scioperava contro l’aggressione americana alla Corea nella guerra che infiammò il 38° parallelo, perdendo così il suo radicamento tra i lavoratori. Oggi la Fiom non sciopera contro l’embargo Usa a Cuba ma in difesa delle condizioni di lavoro, dei contratti, delle leggi e della Costituzione. E così aumenta i consensi nelle fabbriche. Dovrebbe rifletterci, Sergio Marchionne.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

PD SENZA STORIA

Quarto Stato - Pellizza da Volpedo

L’indicibile parola “compagni”

Alessandro Portelli, il manifesto, 23 giugno 2010 – http://www.ilmanifesto.it/ 

“Io entravo nelle case dei contadini pugliesi come un ‘compagno’, come un cercatore di uomini e di umane dimenticate istorie, che al tempo stesso spia e controlla la sua propria umanità, e che vuol rendersi partecipe, insieme agli uomini incontrati, della fondazione di un mondo migliore, in cui migliori saremmo diventati tutti, io che cercavo e loro che ritrovavo”.

Nel 1953 Ernesto De Martino la parola “compagno” la pronunciava fra virgolette: forse per marcare la propria dualità di studioso e di militante, che metteva in discussione non il rigore della ricerca e della politica ma la separatezza del ricercatore e del politico dall’umanità che cercava di rappresentare – scrivendone nei suoi libri e esprimendone le rivendicazioni nelle istituzioni. Compagno voleva dire uno con cui si divide il pane, e uno con cui si divide il cammino. Chiunque ha fatto lavoro sul campo – di ricerca etnografica come di organizzazione politica – sa che entrare nelle case delle persone di cui si cerca la voce significa in primo luogo accettare un’offerta di cibo – un biscotto o un caffé – e in secondo luogo ascoltare una storia. Essere “compagni”, cioè sperimentare nel tempo dell’incontro un’uguaglianza che la società nega nel tempo dell’ordinario. Come spiegava De Martino: “l’essere fra noi ‘compagni’, cioè l’incontrarci per tentare di essere insieme in una stessa storia”.

Ma è bastato pronunciare la parola “compagno” dal palco di un partito che teoricamente dovrebbe essere nato proprio per “tentare di essere insieme in una storia” per rivelare una contraddizione e scatenare un dibattito che non è solo nominalistico e un po’ assurdo come troppo in fretta alcuni l’hanno liquidato. Perché non si tratta solo di una differenza ideologica e simbolica, fra chi viene da una tradizione e chi no. E’ la profonda differenza fra due modi di stare nella storia: sentire, o desiderare, la nuova esperienza politica come uno sviluppo di tutto quello che abbiamo alle spalle (ancora De Martino, addolorato e ironico: “Rammemorare anche quella loro storia passata che non poteva in modo immediato essere attuale e comune, e che, in ogni caso, era da ricacciare lontano e da sopprimere”; o credere, come tutti i neonati o i “nati PD” che la storia e il mondo cominciano con se stessi e tutto il resto è da buttare. Ma anche: rammemorare che quella storia da ricacciare e da sopprimere era un passato che aveva un sogno di futuro (“della fondazione di un mondo migliore in cui migliori saremmo diventati tutti”).

C’è chi davvero ha creduto non solo come Fukuyama che la storia sia finita col muro di Berlino, ma anche che non sia nemmeno ricominciata. Che futuro hanno in mente i neonati del PD (che in certi manifesti affissi a Roma si ribattezza con raggelante gioco di parole “PDigitale”?) se non un continuo rinnovarsi del presente? Nel nostro eterno presente, il pane e la storia non si dividono più con nessuno. Sia tutti individui nella folla solitaria, tutti imprenditori di noi stessi con partite IVA mentali. Nessuno obbliga i neonati del PD a chiamarsi compagni, ma mi domando come si chiameranno fra loro – cioé, che cosa penseranno di essere, come si riconosceranno – gli iscritti a questo partito agitato ma non mescolato.

Ho visto in questi giorni un film di Rina Amato, Cessaré, sulla storia e la memoria delle lotte contro la ‘ndrangheta nella Locride degli anni ’70. Dopo l’uccisione del giovane comunista Rocco Gatto da parte della criminalità organizzata, un prete di base, Natale Bianchi, scriveva a un dirigente delPartito Comunista (cito a memoria): “il partito deve fare chiarezza, per non disorientare quei compagni che ancora resistono sul piano sociale e politico”. ma resistere a qualcuno, sul piano sociale, politico mettiamoci anche culturale? Chi fa chiarezza? Esistono parole ancora più indicibili della parola “compagno”: mentre l’assemblea si entusiasmava e si disorientava per una vecchia parola, la  parola “Pomigliano” non era nemmeno pronunciata. Stanno nella stessa storia, sono “compagni” fra loro, i quadri del nuovo partito e gli operai lacerati fra un lavoro comunque o diritti umani e costituzionali? Qualche dirigente politico entra ancora nelle loro case, ascolta ancora le loro storie e cerca di metterle insieme? Chi li rappresenta? Chi rappresenta chi? Chi “spia e controlla la nostra stessa umanità”? Chi cerca una storia comune”

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , ,