Archivi categoria: Uncategorized

Cambiare il mondo

La sinistra è nata, prefiggendosi obiettivi formalmente impossibili, per migliorare le condizioni di vita umane, a dispetto di ogni contrarietà reale o apparentemente insuperabile.

A partire dai movimenti operai del XIX secolo per arrivare a quelli degli anni ’30 del Novecento, le condizioni avverse non hanno spento la speranza di conquistare e assicurare uguaglianza, libertà e democrazia.

Al netto delle responsabilità sul passato più o meno recente dei vari esponenti di primo piano e di ognuno di noi, occorre ripartire dal sentimento di giustizia sociale che spinge, chi ancora si definisce di sinistra, a pensare e ad agire per migliorare il mondo.

Va salvaguardato il diritto di critica, ma va altrettanto tenuto in considerazione quello dell’autocritica, cioè occorre accettare e comprendere le ragioni di chi dopo aver fatto delle scelte le riconsidera alla luce degli eventi e ne vede i limiti proponendosi nell’azione attuale di superarli.

Se questi fossero i presupposti appare allora chiaro che la discussione su chi debba fare il leader non solo diventerebbe fuorviante, ma rappresenterebbe l’impossibilità di poter giungere a un’idea di futuro su cui mobilitare le persone. Più che raccoglierle intorno ad un’idea di “stato della necessità”, quasi sempre rappresentato dal dover scegliere il “meno peggio”, occorre responsabilizzare le persone che vivono sulla propria pelle le iniquità del sistema, un presente fosco che fa pensare al futuro con angoscia. Riprendere il filo del discorso storico dell’organizzare e rappresentare da sé il conflitto, sapere che la via d’uscita non è individuale ma può ottenere concretezza solo con l’unire le proprie forze a quelle di altri che vivono una condizione simile alla nostra e credono in un mondo migliore. Lasciare spazio all’inventiva perché possa compiersi una rivoluzione “umanista”, una rivoluzione che abbia al proprio centro il genere umano con i suoi bisogni e le sue aspirazioni, ma che al contempo educhi ad affrontare e a superare le contraddizioni insite in ognuno di noi.

Sconfiggere il fatalismo, cominciando a disarticolare il messaggio sul successo da raggiungere a tutti i costi inoculato quotidianamente dall’ideologia neoliberista in oltre trent’anni, dicendo come sta la realtà delle cose, parlando un linguaggio di verità. Cioè: chi ha raggiunto il successo economico, accumulando enormi ricchezze, lo ha fatto nella maggioranza dei casi seguendo logiche predatorie, facendo ricorso agli istinti più biechi della natura umana come quello dell’indifferenza verso la condizione degli altri. Lo ha fatto rubando, saccheggiando i beni collettivi e corrompendo il potere politico, un potere mosso solo dalla competizione al proprio interno per accaparrarsi piccoli o grandi vantaggi.

Se la sinistra non inizierà nuovamente a raccontare la verità, al di là di ogni relativismo o pensiero magico, non avrà futuro e non sarà una nuova sconfitta elettorale a decretarlo, ma sarà il permanere del sentimento di fine verso cui sempre più donne e uomini si stanno dirigendo perché il riaffermarsi delle idee e delle formazioni della destra nazionalista muove dall’idea che non valga la pena compiere nessuno per “invertire la rotta” e costruire un altro futuro.

Siamo in grado di fermare questa deriva? Siamo capaci di ripensarci fino a mettere in gioco le nostre sicurezze? Di certo il dibattito che in molti casi si è prodotto verte più su logiche personalistiche ed autoreferenziali.

Rimane da chiedersi, senza consumare ulteriori scontri intestini, se la sinistra o ciò che ancora vuole o può definirsi tale, abbia ancora tempo per rispondere alla necessità storica di “cambiare il mondo”, o piuttosto non sia ormai “fuori tempo massimo”. Il tempo in cui i destini personali di questo o quel “leader”, di questo o quel “dirigente” – lo dico con rispetto per le biografie di ognuno – alimentano la percezione di sempre più cittadini che destra o sinistra siano le facce di una stessa medaglia, una sfera a sé stante sorda e disinteressata verso i bisogni e le aspettative della gente. Oppure come ha affermato il leader socialdemocratico austriaco Kern “in realtà siamo noi la gente. Noi apparteniamo a questa gente, e queste persone appartengono a noi”.

Da dove iniziare? Che fare? Forse abbiamo già iniziato, forse siamo già in cammino, il compito è sicuramente difficile, ma, d’altra parte, è mai stato facile? Semplificarlo o non considerarlo continuando a dare l’impressione di rispondere più ai destini personali che non a quelli collettivi, non può che renderlo più difficile per non dire impossibile.

Se però guardiamo ai movimenti che hanno prodotto un avanzamento delle condizioni di vita dell’individuo e quindi della vicenda sociale, possiamo notare che come nel famoso proverbio orientale solo lo stolto ha osservato il dito che indicava la luna.

Eugenio Pari

Annunci

Armando Cossutta

Due ricordi di Armando Cossutta. Il primo, un momento di passione e gioia, nemmeno quattordicenne, quando mio padre Renzo Pari, fra i promotori della terza mozione nel congresso che condusse allo scioglimento del PCI, mi portò con sé alla Camera del lavoro di Rimini. Quella sera la sala, che a me sembrava gigantesca, era gremita: c’era Cossutta. Fino ad allora, ne avevo sentito parlare con rispetto ed ammirazione, un po’ sottovoce quando mi aggregavo alle riunioni di sezione dove si presentavano le mozioni. Questa “riservatezza” era dovuta al fatto che quei compagni del PCI, che poi costituiranno Rifondazione, non potevano permettere, a quelli che sarebbero rimasti nel PDS, di muovergli accuse di “frazionismo”.

L’altro è legato ad un momento di delusione ed amarezza: inverno 2005, congresso regionale del PDCI, nella campagna innevata del parmense Cossutta subì un processo da santa inquisizione per alcune affermazioni sull’opportunità di presentare una lista unitaria senza falce e martello. Presi le sue parti dal palco del congresso, non per fedeltà, ma per un semplice elemento di buon senso. Alla fine il Presidente non mi disse nulla, mi salutò, come spesso faceva, con un buffetto e il suo sorriso. Di lui mi hanno sempre convinto la pacatezza, la lucidità, il buonsenso: la forza della ragione, insomma. A diversi anni da questi fatti, dopo che le cose della vita ci hanno portato ad altre scelte, il pensiero che un’epoca politica sia terminata è la conclusione a cui sono arrivato.

Che la terra ti sia lieve caro compagno Armando Cossutta.

cossutta

Armando Cossutta ed Eugenio Pari

Liaison dangereuse

Senza essere capziosi o polemici, proviamo a ricapitolare un po’ di cose:

1. Il Pd nel novembre 2011 appoggiò Monti e tutti i suoi provvedimenti (prego andare a controllare) per “salvare l’Italia”. Esito del governo Monti appoggiato da Pd, Pdl, Udc: aumento del debito pubblico, del famigerato spread Bund-Btp, crollo del Pil, aumento disoccupazione, aumento della pressione fiscale sui redditi fissi, diminuzione del potere d’acquisto dei lavoratori e pensionati;
2. La campagna elettorale del Pd fu impostata sul voto per “mandare a casa Berlusconi”;
3. Rielezione di Napolitano, perchè “loro mica sono matti ad appoggiare il candidato di Grillo”, ovvero Rodotà, uomo profondamente connaturato con la storia della sinistra;
4. Nomina di Letta – il nipote di Gianni braccio destro di Berlusconi – a presidente del consiglio da parte di Napolitano, appoggiato dalla maggioranza Pd, Pdl, Monti;
5. Oggi il Pd ha votato favorevolmente alla richiesta di fermare i lavori parlamentari venuta dal Pdl, di fatto per protesta contro la volontà della magistratura di fare il suo dovere.
Può apparire come un accanimento nei confronti del Pd, forse.
Il punto, però, è che i fatti appena riportati non mi fanno comprendere la differenza tra i berlusconiani e il Pd, anzi confermano che non c’è alcuna differenza fra i due partiti, da tanto lo si sa, da tanto lo si dice.

PD - PDL

PD – PDL

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

In balia

Ancora una volta il Pd in balia degli umori di Berlusconi. Ormai la realtà supera ogni immaginazione e a questo punto veramente non capisco come mai non si formalizzi il partito unico Pd-Pdl (non è una semplificazione né una provocazione), d’altra parte governano insieme dal novembre 2011 avendo approvato i seguenti provvedimenti: controriforma delle pensioni Fornero; l’abrogazione dell’art. 18 Statuto dei lavoratori; spendig review; fiscal compacti; conferma delle spese militari per l’acquisto dei famigerati F35.
Berlusconi

Berlusconi

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Il consiglio di difesa (o qualcosa chiamato similmente), presieduto da Napolitano ( il vero leader della maggioranza Pd-Pdl) dice che il parlamento non è deputato a decidere sulla questione dell’acquisto degli F35. De Gennaro presidente di Finameccanica, la Santanche’ (perdio la Santanche’) vice presidente della Camera. Il tutto avviene con il beneplacito del Pd. Ora, fino a poco tempo fa mi ostinavo a credere che in quel partito ci fosse ancora qualcosa, non dico di buono, ma almeno decente. Mi devo ricredere: e’ una schifezza, veramente una cosa da voltare lo stomaco! Occorre veramente ripensare alle alleanze della sinistra sui territori, altro che continuare a giustificarle dicendo che: “una cosa e’ il governo nazionale, altro e’ quello degli enti locali e delle regioni”.
03/07/2013
dal blog beppegrillo.it

dal blog beppegrillo.it

Tecnicamente falliti

Fallimento Italia

Fallimento Italia

L’Italia e’ tecnicamente fallita. Occorrerebbe sciogliere le camere, cacciare chi ha prodotto la malattia e oggi dice di essere la cura come questo governo. Lo ha detto, a ragion veduta Grillo e io concordo! Il Movimento 5 stelle ha preso un sacco di voti, creando aspettative e potrebbe, ne sono sicuro, far contare di più i tanti parlamentari eletti.

Se la smettessero, quindi, di far del folclore, di concentrarsi sul proprio ombelico, magari continuando, come hanno fatto, ad incalzare la maggioranza Pd-Pdl come sulla questione F35.

03/07/2013

Contrassegnato da tag , , , ,

RIFLESSIONI SPARSE

Per anni ho visto mortificate le aspettative di cambiamento che riponevo nel voto a sinistra. Ogni volta ho pensato fosse quella buona per provare ad imprimere quel “cambiamento” che vedevo e vedo così necessario per provare a dare speranza alle persone e per immettere un po’ di giustizia sociale.

Il Quarto Stato, Pellizza Da Volpedo

Il Quarto Stato, Pellizza Da Volpedo

Il lavoro che faccio mi porta a confrontarmi quotidianamente con il disagio di tante persone e con i tagli al sociale imposti da governi e politici che prima di tutto rispondono agli interessi di chi detiene il potere economico e finanziario. Ogni giorno mi rendo conto di essere sempre più radicale, nel senso che per risolvere i problemi credo occorra andare alla radice, all’origine e allora sono sempre più convinto che ciò che occorre in questo paese è cambi

are le regole, è invertire la logica del potere, è aprire spazi alle persone, è sentire che la propria realizzazione passa da quella di tutte e tutti. Sono sempre più convinto di una cosa

: per cambiare occorre andare contro le regole imposte da chi detiene piccole o grandi parcelle di potere, non si deve aver paura di dire dei NO, perché dietro un NO molto spesso ci sono tanti SI. Soprattutto mi sono reso conto che molto spesso i capi e i potenti sono vuoti, sciocchi, esigono obbedienza perché a loro volta sono marionette nelle mani di altri capi. Costruiscono piramidi di potere di cui si sentono al vertice, invece sono solo un piccolo anello della catena di comando, per questo mi piacciono le figure senza un vertice. Quel poco di esperienza che ho mi ha fatto vedere, invece, che le grandi persone non hanno carisma, non parlano per imposizioni e non detengono potere.

Dopotutto rimango convinto della natura positiva del genere umano e penso che siano le condizioni materiali e sociali a determinarne i comportamenti, ho fiducia nell’uomo e credo che presto o tardi l’uomo vivrà come fratello fra fratelli, otterrà ciò di cui necessità e fornirà alla società ciò che sarà in grado di fornire. Sono portato a pensare questo perché il capolinea dell’umanità non può essere il capitalismo dove, invece, l’uomo è nemico dell’uomo e dove a prevalere è la legge del più forte.

Certo è che questo non è un fatto meccanico, ma chiede cambiamenti profondi, cambiamenti necessari che prima di tutto devono partire da sé, dal quotidiano, dalle scelte che ogni giorno possiamo e dovremmo fare. L’uomo ha in sé la nozione del bene, ma la società nel suo complesso, in particolare quella italiana, si è identificata con ciò che la psicologia chiama condotta antisociale, dove è l’affermazione personale a far da metro di misura sulle qualità umane.
A breve si andrà a votare, molti pensano che votando o no, il compito civico si esaurisca così. Invece io credo di no. Voterò per Rivoluzione Civile, perché per la prima volta vedo nella persona i tratti di onestà e rettitudine che ritengo indispensabili per chi debba ricoprire un ruolo di rappresentanza istituzionale e democratica.
Detto questo ho il massimo rispetto per i compagni e gli amici che faranno altre scelte votando Movimento 5 Stelle o SEL, penso che anche loro, nella maggioranza dei casi, siano animati dal sentimento di portare l’onestà al potere, di ribaltare la situazione e di cambiare gli spazi e le figure del potere. Talvolta sono sconcertato dalle contraddizioni che ci sono in SEL, nel Movimento 5 Stelle o in Rivoluzione Civile e questo, più che altro fa parte di un mio tratto caratteriale che mi porta a sostenere e simpatizzare per la minoranza e, quando le minoranza, non è più tale, e diviene maggioranza, sostengo un’altra minoranza, le maggioranze esercitano il potere, fanno compromessi e soprattutto cercano solo di rimanere tali per avere potere. Per questo credo che la forma migliore di governo sia l’autogoverno delle persone.
Sono convinto però che la nostra società sia governata da una piccolissima minoranza che detiene un grande potere, un potere che si esercita in tante forme e in tanti luoghi e che per invertire questa dinamica occorra disarticolare queste forme e questi luoghi, occorre insomma una Rivoluzione. Di opinioni e di parole ne sentiamo a tonnellate quotidianamente, ciò di cui invece c’è bisogno, credo, non sono solo le opinioni, ma l’esempio.
Alle compagne e ai compagni, alle amiche e agli amici, animati da questo spirito voglio rivolgere, rivolgendolo prima di tutto a me stesso, l’augurio di non cedere mai alle logiche delle maggioranze, di portare avanti la loro idea e di non chinare il capo mai davanti alla vacuità del potere, di irriderlo anzi, auguro di non essere mai accondiscendenti con il potere e di scoprirsi ogni giorno uomini e donne libere, essere liberi, non dalle responsabilità, ma dalle imposizioni e dalle costrizioni.

Eugenio Pari

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , ,