Archivio mensile:settembre 2012

Fusione AcegasAps – Hera – Cosa c’è dietro?

13 / 9 / 2012

Con una accellerazione giocata nei mesi estivi si va verso la fusione di Acegas Aps (multiutility di gestione dei servizi triestino-padovana) con Hera (multiutility emiliana).

L’operazione rappresenta un’indicazione di carattere nazionale tanto è vero che vi parteciperà anche la Cassa Depositi e prestiti. Dalla fusione dovrebbe nascerà una multiutility che sarà prima per quanto riguarda il business dei rifiuti non a caso legato all’incenerimento, seconda dopo A2a per acqua erogata, ventesima come impresa italiana con 8500 dipendenti.

Il processo con cui ci si è avviati alla fusione va nel senso esattamente opposto dell’indicazione referendaria dell’anno scorso.

Nella forma l’operazione viaggia al di fuori di qualsiasi partecipazione: le migliaia di cittadini che pagano con le loro bollette, sempre più care i servizi erogati, non hanno voce in capitolo e le informazioni parziali sull’operazione passano attraverso articoli di giornale e note stampa.

Nella sostanza si avalla la logica del primato degli interessi finanziari e del mercato riproducendo la stessa logica gestionale che peraltro ha portato le due società ad avere il loro “bel” debito accumulato dai rispettivi consigli di amministrazione, stipendiati con cifre a sei zero.

La fusione Acegas Aps è in linea con tutto quello che in un quadro generale si sta compiendo sui servizi. Ma allora iniziamo a porci una prima domanda: perché i Governi che si sono succeduti alla guida del Paese (Berlusconi prima, Monti poi) hanno remato (e continuano, in maniera così spudorata, a remare) contro lo straordinario risultato referendario del 12 e 13 giugno 2011, quando 27 milioni di nostri concittadini si pronunciarono in maniera chiara e inequivocabile sulla ripubblicizzazione del servizio i.i. e la fuoriuscita dell’acqua dal mercato e dalle logiche di profitto, sulla cancellazione in tariffa della remunerazione del capitale investito dal gestore…?

Alla domanda potremmo brutalmente rispondere così: nell’era della crisi capitalistica globale quella dei beni comuni rappresenta l’ultima frontiera dell’accumulazione capitalistica.

Fino a che la finanziarizzazione dell’economia ha giocato un ruolo determinante nell’assicurare quei margini di profitto che, nelle società a capitalismo maturo, la produzione materiale di merci non era in grado più di garantire, i beni comuni (i servizi pubblici locali, in primis) hanno avuto, per così dire, vita relativamente tranquilla (così si spiega l’elevato numero di società c.d. in house presenti sul territorio nazionale). Ma con l’entrata in crisi di quest’ultimo meccanismo, abbiamo assistito, da parte di governi e poteri forti, a un surplus di attenzione, tramutatasi presto in “accelerante ossessione” verso ipotesi di privatizzazione della gestione dell’acqua e dei servizi pubblici locali. Ergo, se anche le componenti biologiche della vita sono sottoposte a un processo di mercificazione che le riduce a variabili dipendenti della profittabilità del capitale, non ci sono più limiti ai processi di accumulazione che vengono, così, posti al riparo dalle onnipresenti fluttuazioni del mercato e dei cicli economici.

Questa strategia è alla base degli sciagurati provvedimenti normativi che si sono succeduti con ritmo incalzante ed anche all’accelerata operazione di fusione-incorporazione della nordestina ACEGAS-APS nell’emiliana HERA.

Una operazione che, inutile dirlo, se si pone in rotta di collisione con l’esito referendario, risulta poi perfettamente coerente con l’assunto dominante: “mercati” dettano la linea politica ai Governi esattamente come i consigli di amministrazione (delle due società) decidono al posto dei Consigli comunali (chiamati poi a ratificare quelle scelte).

La mobilitazione che si è intrapresa nelle regioni coinvolte nell’operazione ha perciò un lavoro ampio che guarda alla qualità dei servizi, alle scelte di fondo dello sviluppo territoriale e che tocca ed attraversa profondamente il tema della democrazia. Non a caso uno dei primi slogan utilizzato è stato: noi paghiamo voi decidete.

Il problema, dunque, risiede da un lato sulla necessità di delineare una strategia che, grazie al contributo delle tante soggettività diffuse sul territorio, arrivi a bloccare questo disegno di fusione e, dall’altro, di prefigurare un reale disegno di ripubblicizzazione di tutti i servizi locali sulla ipotesi della azienda speciale.

Alessandro Punzo

Comitato Provinciale Due Sì per l’acqua bene comune

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , ,

Radici comuni

Stefano Fassina (responsabile lavoro del Pd) si è dovuto allontanare dal corteo dei lavoratori Alcoa scortato dalla polizia. Da settimane questi uomini si stanno mobilitando

Stefano Fassina (responsabile economia e lavoro Pd) contestato dai lavoratori Alcoa – Roma, 10/09/2012

contro la chiusura dello stabilimento.

Alcuni esultano per questa “fuga” e solidarizzano, occorrerebbe però riflettere su cosa sia accaduto e su quanto accadrà ancora andando avanti di questo passo. La prima considerazione è che quei lavoratori non sono più disponibili a fare distinzioni fra “peggio” e “meno peggio” e, tantomeno, sono disponibili ad accettare attestati di vicinanza dalla politica, richiedono atti concreti, interventi per poter continuare a vivere del proprio lavoro.

C’è una disperazione profonda nel Paese e questa disperazione sta montando in una rabbia palese verso la politica, in quanto in ballo c’è la sopravvivenza.

L’informazione quasi tutta schierata con le compatibilità finanziarie e con il governo Monti – Napolitano, c’è da scommetterci, domani ospiterà l’intervento di qualche solone che stigmatizzerà i lavoratori sardi e le dichiarazioni dei rappresentanti dei partiti che solidarizzeranno con l’esponente del Pd, e ridurranno a battute le folcloristiche uscite di altri politici presenti come Diliberto. Dopodomani nulla rimarrà se non la disperazione e la rabbia.

Certo, Fassina – le cui posizioni spesso sono state dissonanti rispetto al resto del suo partito – cosa poteva aspettarsi? Chi semina vento raccoglie tempesta, si potrebbe dire. Eppure, secondo me, non c’è nulla da esultare, né c’è qualcosa di cui compiacersi. Questi episodi non sono certo il sintomo di una rivoluzione che avanza, quanto è accaduto non è certamente il prodromo delle magnifiche e progressive sorti. Quando non si vuole, perché non si può più, fare distinzioni la storia ci ha insegnato che quasi mai si sono aperte fasi di progresso e democrazia, quasi sempre, invece, si sono instaurate situazioni ancora più autoritarie e antipopolari.

Il punto è che la politica quando non apertamente al servizio del potere finanziario, lo stesso potere che ha prodotto questi livelli di insoddisfazione, alienazione e deprivazione, risulta essere solo un teatrino dove emerge con chiarezza che gli attori non conoscono i problemi e parlano d’altro. A sinistra ancora, invece, si crede che l’alleanza per il governo possa essere una prospettiva efficacie, un’alleanza le cui condizioni sono note: perseguire l’agenda di “rigore” proposta dal governo Monti e accettata dal Pd.

La sinistra non si pone il problema della depoliticizzazione della politica, strologa ancora su alleanze facendo finta che la mercificazione e l’intreccio tra finanza e politica si possa sciogliere con le primarie e con un buon risultato del candidato della sinistra. Finché non si partirà dalla considerazione che a governare, in realtà è la classe dirigente, e non la classe politica che agisce come paravento, la rabbia di chi sta vedendo crollare le proprie condizioni di vita monterà.

Occorre un’alternativa, ma quale? Chi la farà? David Harvey ha sostenuto: “ci troviamo dunque in presenza di un duplice ostacolo: la mancanza di una visione alternativa impedisce la formazione di un movimento di opposizione, e l’assenza di un tale movimento preclude la formulazione di un’alternativa. Come si può dunque superare questa situazione di impasse? Il rapporto tra la visione di cosa fare e perché, e la formazione di un movimento politico in grado di farlo, ha assunto carattere circolare. Se si vuole sperare di realizzare un rinnovamento, questi elementi dovranno rinforzarsi a vicenda; in caso contrario, la potenziale opposizione resterà per sempre bloccata in un circolo vizioso che vanificherà ogni prospettiva di cambiamento costruttivo, lasciandoci vulnerabili dalle future crisi del capitalismo, che si perpetueranno con risultati sempre più micidiali”.

A sinistra ancora si dibatte sulla via “entrista”, leggevo che un vecchio dirigente del PRC sostiene ancora l’importanza fondamentale per i comunisti di entrare nei “parlamenti borghesi”, d’altra parte lo diceva anche Lenin, personalmente credo che nella testa dei dirigenti non ci sia Lenin quanto, invece, un tatticismo politicante. Trovo che l’ingresso nel parlamento per la sinistra sia un fatto importante, ma comunque subordinato a un tema fondamentale: identificare le radici comuni dei problemi per unificare le battaglie dei lavoratori, battaglie per la sopravvivenza, con quelle dei giovani, dei precari, dei disoccupati, dei migranti, una battaglia politica per costruire il futuro piuttosto che per entrare in parlamento.

Questa è la posta in gioco, ma non basta l’analisi, occorre anche la mobilitazione, praticare un modello alternativo. Se pensassimo che i dirigenti della sinistra, quelli che vogliono fare le primarie, quelli che si appendono ai simboli, possono minimamente provare a dare rappresentanza e praticare questa strategia sbaglieremmo. Provare a costruire l’alternativa “da sé”, dai territori è l’unica via possibile. Rispetto per la natura, egualitarismo nei rapporti sociali, bene comune, amministrazione democratica e non governata dal denaro, processi lavorativi organizzati dai lavoratori, vita quotidiana intesa come scoperta di nuovi rapporti sociali e non come momento consumistico, “concezioni mentali che pongono l’enfasi sulla realizzazione di sé nel servire gli altri”, possono, anzi dovrebbero, costituire il vocabolario minimo di un qualsiasi soggetto politico che si proponga la trasformazione e il superamento dello stato di cose presente. Possono costituire il manifesto per l’alternativa, un’alternativa che non può attivarsi discendendo da qualche leader nazionale, ma che può essere agita nello spazio e nel tempo in cui ci troviamo ad agire. Proviamoci!

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,