La Camusso firma l’accordo peggiore

Un articolo ed una intervista pubblicati su il manifesto di oggi che spiegano i contenuti dell’accordo firmato ieri (29.06.2011) dal Segretario generale della Cgil Susanna Camusso. L’accordo interviene introducendo “nuove” regole per la rappresentanza dei lavoratori  concedendo sostanzialmente ampie facoltà di deroga per le aziende nell’applicazione dei contratti nazionali. Se la soddisfazione di Confindustria è scontata, così come quella di Cisl e Uil, rimangono da capire le motivazioni che hanno portato a condividere il testo al Segretario della Cgil un gesto che ha provocato e provocherà una forte discussione all’interno del maggior sindacato italiano e soprattutto ha già visto la contrarietà della Fiom.

 

La Cgil firma l’accordo peggiore

 Oggi verifica formale in segreteria. Controriforma del sistema contrattuale e della rappresentanza

 Di Loris Campetti, il manifesto, pag. 7 del 30.06.2011

www.ilmanifesto.it

 La notte non ha portato consiglio a Susanna Camusso: la segretaria della Cgil ha firmato con Cisl, Uil e Confindustria la controriforma delle relazioni sindacali e della rappresentanza. Il testo non è ancora noto neanche ai segretari nazionali  e generali di categoria, ma da quel che è trapelato potrebbe essere sancita la messa in mora del diritto di sciopero, la sostituibilità del contratto nazionale con quello aziendale come pretendeva la Fiat per non uscire da Confindustria, la non obbligatorietà del voto ai lavoratori, la possibilità per i sindacati di “nominare” i delegati. Oggi si riunisce il vertice della Cgil.

Susanna Camusso ed Emma Marcegaglia

Si può firmare un testo più che impegnativo che modifica un accordo fondamentale – nel bene e nel male – come quello del ’93 con cui si sono regolati 18 anni di relazioni sindacali senza un mandato formale, qualora l’accordo abbia dei contenuti la cui legittimità, o illegittimità, sta per essere sentenziata da un giudice? Si può impedire ai lavoratori di votare accordi e contratti che li riguardino, mettere in mora il diritto di sciopero (la chiamano tregua) con un accordo di solo vertice? Nel momento in cui scriviamo l’atteso – e da qualcuno temuto – confronto tra i vertici di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil è ancora in corso, e i tempi lunghi potrebbero far pensare a una “felice” conclusione. Un accordo che potrebbe entrare in contraddizione, anzi negare decisioni prese da un precedente direttivo nazionale della Cgil su democrazia, rappresentanza e intoccabilità dei contratti nazionali.

La domanda iniziale ottiene una risposta proprio mentre chiudiamo il giornale: sì, si può firmare e la Cgil ha firmato. Probabilmente, come si dice in sindacalese, Susanna Camusso ha “siglato” Cgil riservandosi di trasformare la sigla con la sua firma dopo aver informato la segreteria dell’organizzazione allargata ai segretari generali delle categorie. Lunedì il direttivo della Cgil si era chiuso senza un voto che desse un mandato alla segretaria generale Susanna Camusso a firmare, non essendo ancora noti i dettagli – l’essenza di ogni accordo sindacale – del testo proposto da Emma Marcegaglia. Dunque Camusso, prima della firma, dovrebbe quantomeno presentarsi alla segreteria allargata ai segretari di categoria (convocati per oggi), prima di suggellare l’accordo “storico” con la sua firma.

Nel direttivo chiara era stata la posizione della minoranza: nessuna delega in bianco, non firmiamo senza aver visto il testo finale. I punti più caldi, come abbiamo scritto nei giorni scorsi, riguardano la possibilità di sostituire i contratti nazionali con quelli aziendali: la Fiat ha detto a chiare lettere che uscirà da Confindustria qualora non venisse assunta la filosofia del contratto di Pomigliano, Mirafiori e Bertone imposta con referendum-truffa. Contratti in cui è sospeso il diritto di sciopero, abolito il contratto nazionale e il principio “una testa un voto”, sostituire le Rsu con le Rsa (i lavoratori non potrebbero eleggere i propri rappresentanti, nominati invece dai sindacati degli accordi. I non firmatari non eserciterebbero più attività sindacale).

Questi erano i punti contestati in teoria dall’intera Cgil, almeno fino a due giorni fa, ribaditi lunedì con forza dalla Fiom e dall’area “La Cgil che vogliamo”. Ancora ieri, il segretario dei metalmeccanici Maurizio Landini ha ripetuto l’assoluta contrarietà della Fiom a un modello che non preveda l’obbligatorietà del contratto nazionale, il diritto di sciopero e a eleggere i propri rappresentanti. Ieri l’incontro più delicato è iniziato alle 15.30 alla foresteria della Confindustria, con tutti i partecipanti – i tre segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Emma Marcegaglia e il vicepresidente dell’organizzazione padronale Alberto Bombassei – ottimisti sull’esito positivo. Il confronto è andato avanti per tutto il pomeriggio e la sera in un “clima disteso”, con dichiarazioni dal versante della politica, del Governo e della Fiat che incitavano a chiudere, unitariamente e in fretta. Un pressione a 360 gradi sulla Camusso ad avere coraggio e a liberarsi della palla al piede. Inutile dire che la palla al piede è la Fiom. I contenuti dell’accordo non sono noti. Non al manifesto, ma agli stessi segretari della Cgil.

 

L’INTERVISTA – Gianni Rinaldini: l’”avviso comune” cancella il diritto di voto dei lavoratori

“È il suicidio del sindacato”

Il coordinatore de “La Cgil che vogliamo” boccia senza appello metodo e merito dell’accordo con Cisl, Uil e Confindustria sulla rappresentanza e i contratti

 Rocco Di Michele, il manifesto, pag. 7 del 30.06.2011

 “Lunare e imbarazzante”. Per Gianni Rinaldini, 8 anni da segretario generale della Fiom, ora coordinatore dell’area “La Cgil che vogliamo” e membro del Direttivo nazionale di Corso Italia, la discussione che va avanti tra Confindustria e i sindacati è fotografata da questi due aggettivi. Che valgono però anche per il dibattito interno alla Cgil.

Gianni Rinaldini

 

Sembra abbiano firmato l’accordo…

È la conferma delle voci che dicevano che il testo c’era già. Non è credibile che in una trattativa così complicata abbiano fatto tutto nel giro di poche ore.

Si apre un problema nella Cgil?

Non è stato presentato nessun testo scritto. Al tavolo non c’era neppure una “delegazione trattante”.

Han fatto tutto in due o tre della segreteria. Una roba inaccettabile nella vita interna della Cgil. Non c’è stato nemmeno un “ufficio” ad affiancare, come si fa di solito, con i segretari di categoria. Nei miei ricordi, trattative così importanti e delicate vedevano la Direzione della Cgil (ora non c’è più) convocata in seduta permanente e in continuo contatto con la delegazione al tavolo. Viene siglato o firmato un accordo assolutamente misterioso per i segretari generali di categoria e il coordinatore di un’area nazionale della Cgil. Di fatto il Direttivo sarà messo nelle condizioni di votare una sorta di “fiducia” alla segretaria. Sì, esiste ormai un problema di democrazia nella vita interna della Cgil.

Non si è discusso abbastanza?

Con il meccanismo sviluppatosi purtroppo negli ultimi anni, ogni votazione del comitato direttivo si configura alla fine come un voto di fiducia sul segretario generale. Pensando in questo modo di annullare l’articolazione del dibattito esistente. Stavolta non mi sorprenderei che qualcuno, rientrato recentemente in Cgil come coordinatore della segreteria del segretario generale, dopo aver svolto a lungo  ruoli amministrativi (Gaetano Sateriale, ndr), abbia in questi giorni lavorato alla definizione del testo.

Cosa sai sul merito dell’accordo?

È riassumibile in un aspetto centrale decisivo, da cui discende tutto il resto: lavoratori e lavoratrici non sono chiamati a votare le piattaforme e gli accordi che li riguardano. Il meccanismo individuato prevede che attraverso la “certificazione” (un mix tra iscritti e voti alle rsu) le organizzazioni che superano il 50%+1 possono fare accordi che diventano immediatamente esecutivi. Questo è devastante. Perché nega la democrazia, che assieme al conflitto è l’unico strumento a disposizione dei lavoratori per intervenire sulla propria condizione. E inquina fortemente gli stessi tavoli di trattativa, perché quando si parla tra soggetti sociali espressione di interessi diversi, non si è un club di amici. È prevedibile che si darà vita ad un mercato del tesseramento, teso a favorire le organizzazioni più disponibili a cercare accordi. Non mi sorprenderebbe che arrivassero pacchi di iscritti a questa o quell’organizzazione. Sta nelle cose.

Qual è il punto di principio?

Non sottoporsi al voto e al giudizio dei lavoratori vuol dire affermare il concetto che i contratti sono proprietà delle organizzazioni sindacali, e non fanno capo all’espressione della volontà dei soggetti interessati. Non era mai avvenuto che la Cgil istituzionalizzasse in un accordo che questi sono validi senza il pronunciamento dei lavoratori. Tutt’al più in questi anni, si è discusso sulle forme della consultazione. Faccio presente che gli accordi separati dei metalmeccanici, nel 2001 e nel 2003, avvennero proprio sul referendum tra i lavoratori  a fronte di posizioni diverse. In ambedue i casi, Fiom e Cgil decisero congiuntamente.

Che fine fanno le rsu?

A livello aziendale lì dove ci sono le rsu queste decidono senza il voto dei lavoratori; dove ci sono le rsa i lavoratori possono votare il loro contratto. Inoltre sulle deroghe, c’è una questione che non ho capito e che è inaccettabile: invece di “deroghe” si parla di “adattabilità” a livello aziendale. È anche peggio delle “deroghe definite”.

E sul diritto di sciopero?

Anche qui, o non ho capito bene oppure è inaccettabile: si parla genericamente di possibilità di una “tregua”, che in termini sindacali non può che voler dire tregua sugli scioperi. La clausola della Fiat, insomma. Ma la Cgil non ha mai firmato limiti all’esercizio del diritto di sciopero. E mi domando: se si accettano questi criteri in una trattativa con le aziende private, non credo si possano affermare cose diverse nel corso di una trattativa interconfederale con il governo. Penso che questa operazione sia il suicidio della Cgil.

Ma perché la Cgil si va a suicidare?

Non vorrei che fosse per le cosiddette “ragioni politiche”… Una divisione sindacale può creare problemi a partiti che in tutti questi anni si sono limitati a dire “fate l’unità”, per evitare di pronunciarsi sul merito. Poi c’è l’idea folle per cui, in questo modo, si creerebbe un rapporto “dinamico” nei confronti del governo “tra le forze sociali”, con Confindustria. E questo alla vigilia di una manovra economica in cui il contributo di Confindustria è chiedere sia ancora più pesante nei confronti dei lavoratori…

In queste condizioni, com’è possibile fare opposizione alla manovra?

La Cgil non potrà che decidere le necessarie iniziative di lotta contro la manovra. Sarà difficile spiegare che un accordo che annulla la democrazia dei lavoratori sia un elemento che rafforza iniziative contro il governo.

Se la democrazia sta così, anche in Cgil, come si cambiano le cose?

Siamo di fronte a una questione enorme. Abbiamo già convocato l’assemblea dell’area congressuale per il 13 luglio (dopo il direttivo dell’11-12), lì decideremo le iniziative conseguenti. È incredibile, con quello che è successo in altri paesi europei e in Italia – il voto di amministrative e referendum, il crescere di forti movimenti fondati sulla richiesta di partecipazione e democrazia –la Cgil non trovi di meglio che negare a chi lavora un diritto democratico fondamentale. Con l’evidente rischio di complicare tutti i rapporti con tutti i movimenti che ci sono nel paese, a partire da studenti, precari, diverse forme di autorganizzazione e iniziative. Ed è ora di dire che il “patto di stabilità” europeo va assolutamente cambiato.

In quale direzione?

Questo è un patto tutto finalizzato alla stabilità monetaria, senza alcuna politica: sociale, sull’ambiente, sull’armonizzazione fiscale. Niente. Alla fine l’Europa si presenta solo con la faccia dei vincoli monetari.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , ,

One thought on “La Camusso firma l’accordo peggiore

  1. Passilongo giulio ha detto:

    fatto da una donna è piu dolce ma la sostanza non cambia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: