Archivi giornalieri: 25/11/2009

Bilancio a Rimini: altro che politiche keynesiane, qui siamo di fronte alla Signora Tatcher

Rimini, 25 novembre 2009

Margaret Thatcher

A causa dei tagli imposti dalla Finanziaria, ma non solo, si preannuncia un Bilancio “lacrime e sangue”.
Le pesanti politiche degli investimenti degli scorsi anni, tanto reclamate quanto insostenibili nel tempo, stanno oggi facendo vedere i loro frutti sulla sostenibilità finanziaria del Comune. Quando si diceva negli anni scorsi che occorreva una verifica attenta degli investimenti perchè il loro peso era troppo alto e alla lunga insostenibile veniva risposto che eravamo uccelli del malaugurio. Oggi, purtroppo, le facili previsioni di ieri si avverano e tra i provvedimenti c’è quello di una “riclassificazione” al ribasso della spesa sociale che tradotto significa tagli. Non si conoscono tali provvedimenti, ma in un periodo come questo non è pensabile intervenire per tagliare il sociale, anzi andrebbe sicuramente razionalizzato, ma potenziando l’intervento. Altro che politiche “keynesiane” qui ci troviamo di fronte ad una Signora Tatcher, tagliare la spesa sociale significa colpire la coesione sociale.
Piuttosto, anziché creare la Holding, che sarà un ulteriore strumento di debito di cui il Comune dovrà essere garante e solvente, sarebbe meglio tentare di recuperare il gap che separa Rimini da tutti gli altri comuni della regione nella spesa sociale.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Aree in fregio a Rimini: chi sbaglia paghi

Rimini, 24 novembre 2009

DICHIARAZIONE DI EUGENIO PARI (CONSIGLIERE COMUNALE DI RIMINI) SULLA VICENDA DELL’HOTEL PATRIZIA

crocifissione in sala mensa

Dalla ricostruzione della vicenda dell’Hotel Patrizia emergono  chiarissimamente le responsabilità da parte dell’Amministrazione. A voler pensar bene di chi ha firmato quell’atto si può solo dire che è stato un incompetente. Mi chiedo infatti come sia possibile approvare un palazzo di sette piani, praticamente un altro albergo, sul lungomare con tale leggerezza?
I provvedimenti di cui si parla sono cose leggerissime e  mi chiedo se le conseguenze per qualsiasi altro lavoratore che avesse commesso un errore così grave sarebbero state altrettanto leggere. Tutti sappiamo che nella vita reale quel lavoratore o dirigente sarebbero stati cacciati.
Ora, non conosco e non mi interessa conoscere il nome del responsabile del procedimento, ma perché anche nel settore pubblico ci possa essere l’introduzione di criteri meritori chi potrebbe arrecare tuttora un danno al comune di 500mila euro non può rimanere sostanzialmente esente da provvedimenti.
Nessuno, si badi, chiede punizioni fantozziane come la crocifissione in sala mensa, ma ripeto che questa vicenda non può concludersi a tarallucci e vino sostenendo che anche questa volta l’abbiamo scampata.
Occorre ripercorrere tutta la filiera delle responsabilità e prendere i
necessari provvedimenti affinché situazioni del genere non abbiano più a ripetersi.


Eugenio.Pari@comune.rimini.it
eugenio_pari@yahoo.it
https://eugeniopari.wordpress.com/
Cell. 334.6766149; 346.3756798
Tel. e fax 0541.704169

Contrassegnato da tag , , , , ,
Annunci