Archivio mensile:maggio 2009

La debolezza della falce e martello

Giuliano Garavini,   18 maggio 2009, 13:20Falce_e_martello

http://www.aprileonline.info/notizia.php?id=12097

Dibattito Non è solo un fatto di percezione comune. Non sono solo le statistiche che sembrano indicare che, così come nel caso di altri gruppi sociali, anche gli operai guardano con simpatia alle destre. L’obsolescenza della falce e martello non deriva dal mercato mediatico che non le dà spazio, dal leaderismo che permea i nuovi schieramenti politici e non deriva nemmeno dalla strisciante rivalutazione in atto del Fascismo. Il problema è ancora più strutturale e arriva fin dentro il mondo economico

Un intervento su questo tema deve partire da una premessa fondamentale in questa epoca di revisionismo storico. Io considero che l’Unione Sovietica non sia identificabile unicamente con il sistema della “purghe” staliniane, con un meccanismo economico asfittico che ha prodotto inquinamento e scarsità di beni alimentari e di consumo o con la sostanziale assenza di partecipazione democratica. Sono convinto che l’Unione Sovietica abbia parlato anche all’Europa Occidentale forzandola a muoversi verso un sistema di democrazia sociale dopo la seconda guerra mondiale, condivida il merito storico della vittoria militare sul Nazismo e sul Fascismo e abbia saputo parlare ben oltre i confini europei: aiutando lo sviluppo di movimenti di liberazione nel Terzo Mondo, così come la richiesta da parte di questi paesi di maggiori aiuti economici. Si tratta comunque di un dibattito, quello sul ruolo storico del comunismo sovietico, che sarebbe più saggio lasciare agli storici che utilizzare come moneta nella polemica spiccia del quotidiano.

Detto questo dirò anche che oggi, nel maggio 2009, in Italia, la “falce e martello”, per quanto riconosca la sua gloria passata in Italia e altrove, non ha una vera potenzialità rivoluzionaria e resterà il simbolo di un piccolo movimento politico. Chi continua ostinatamente a sventolarne la bandiera tradisce, e non tutti lo fanno in buona fede, l’obiettivo di fondo di una rivoluzione vincente dei più deboli contro i più forti, dei proletari contro i capitalisti.
Non è solo un fatto di percezione comune. Non sono solo le statistiche che sembrano indicare che, così come nel caso di altri gruppi sociali, anche gli operai guardano con simpatia alle destre. L’obsolescenza della falce e martello non deriva dal mercato mediatico che non le dà spazio, dal leaderismo che permea i nuovi schieramenti politici e non deriva nemmeno dalla strisciante rivalutazione in atto del Fascismo.
Il problema è ancora più strutturale e arriva fin dentro il mondo economico. Un mondo che per i comunisti ha avuto sempre la priorità sulla concezione dei diritti, sulla dinamica delle istituzioni politiche e delle idee. Il problema consiste nel fatto che i comunisti di oggi non si sono confrontati fino in fondo con la fine dell’Unione Sovietica, con i limiti delle loro parole d’ordine e alcune debolezze della loro analisi economica.

Si dice conflitto fra capitale e lavoro. Certo, giusto, questo conflitto non è sparito ed è oggi più vivo che mai, come dimostra il modo il cui si reagisce alla crisi economica in atto: cioè salvando il capitale e mandando a casa i lavoratori. Il capitale è sempre più forte, si mangia fette crescenti del Prodotto interno e la necessità di salvarlo prevale di gran lunga sugli interessi dei lavoratori, così come gli interessi dei paesi più dotati di capitale prevalgono sugli interessi dei paesi che ne sono privi. Il problema è che i comunisti non possono più indicare il Sole dell’Avvenire, perché non sanno più quale sia. A chi dicesse che il Sole dell’Avvenire è la proprietà dello Stato delle grandi banche, dei mezzi di produzione, nonché di tutti i servizi offerti al cittadino, come ho sentito ripetere ad “Annoa Zero” da Diliberto, io risponderei che, non poco, ho smesso di credere che questa alternativa sia, in definitiva, auspicabile. Lo Stato, e lo dimostrano le condizioni di precarietà che vivono i giovani italiani nelle strutture pubbliche, così come lo dimostra il fatto che il governo della Merkel ha dato vita al più grosso debito pubblico del dopoguerra, si comporta esattamente come gli altri padroni. E non è detto che fornisca una qualità migliore. Questo è stato purtroppo il punto debole del socialismo reale: alla fine dei giochi gli operai polacchi, avendo lo Stato come padrone, lavoravano negli anni Ottanta in condizioni più disperate dei loro omologhi nei paesi dell’Europa occidentale. Mentre il Primo Maggio in Europa occidentale era una ricorrenza viva, sentita, combattiva, in Europa dell’Est era una pratica triste e vuota perché i sindacati erano un braccio del pauroso potere dello Stato e dei suoi gestori.
Le soluzioni devono essere, credo, nuove e devono includere un definitivo superamento dell’idea di pervasiva proprietà statuale. Serve per esempio una proprietà pubblica delle reti, ma è giusto che chi utilizza questi reti possa essere un privato, una cooperativa, un ente locale o altro. Facciamo l’esempio dell’elettricità. Come prospettiva futura sarà essere mille volte meglio un sistema con migliaia di piccoli produttori di energia elettrica pulita, serre fotovoltaiche, pale eoliche così come grandi centrali, tutti connessi attraverso un sistema di reti pubblico, magari coordinato a livello europeo e fortemente slegato dal controllo dei partiti politici. Questa è stata una bella lezione di internet finché dura: i produttori di conoscenza sono tanti e la rete è sostanzialmente pubblica. Ma un nuova ENEL, che produce mastodontiche quantità di energia elettrica, gestisce le reti e poi sistema nei ruoli dirigenti gli amici dei partiti, mah! Servono battaglie radicali e senza esitazioni per conservare pubbliche tutte le reti, nonché quei beni come l’acqua che sono comuni, ma occorre liberarsi in modo definitivo dall’idea di centralizzazione statale della produzione di tutte le merci e i servizi.

Poi vi è il grande tema della lotta di classe. La falce e martello richiama la lotta degli operai e degli agricoltori contro i padroni e i proprietari terrieri. C’è una disperata necessità di estendere questa lotta di classe oltre i confini mai possibilmente immaginati dai comunisti. O meglio pensata da quella parte dei comunisti, come il gruppo dei “quaderni rossi” a Torino, che sono sempre stati minoranza e che erano abituati a ragionare seguendo da vicino le innovazioni nel mondo economico. Bisogna pensare come mettere insieme precari della ricerca, avvocati schiavizzati, immigrati, precari dell’industria, operai, piccoli imprenditori si sé stessi con partita IVA, lavoratori nei servizi, aziende in subappalto. La falce e martello con tutti questi può essere una garanzia di radicalismo, ma non può vincerne i cuori e le menti perché siamo di fronte ad una nuova classe lavoratrice molto più formata (anche se non sempre più educata) di quella degli anni ’20, ma anche degli anni ‘50 del Novecento.

Se si riuscirà mai convincere tutti questi novelli sfruttati, la mia impressione è che questi vogliano, al di la di garanzie solide e redditi decorosi, anche usufruire di massima libertà di movimento e di partecipazione. Bisogna mettere in discussione l’assenza di democrazia nel mondo dell’impresa privata, non per delegare tutto allo Stato, ma per una partecipazione diretta di chi è dipendente nelle strutture in cui lavora. Partecipazione non vuol dire partecipazione azionaria, vuol dire che si prendono direttamente le decisioni e si gestiscono i meccanismi della produzione.
Non basta aprirsi ai movimenti per affiancarli al Partito. Bisogna mutare la propria strategia politica. E’ questo aveva solo in parte capito Bertinotti quando aveva creato Sinistra europea come strumento per aprirsi ai movimenti, per poi restare il solo a decidere dalla A alla Camera. Serve molto di più. Che so creare leghe settoriali per difendere tutti i beni comuni, organizzare la massiccia propaganda per referendum europei, sottoporre le decisioni importanti del Partito a referendum su internet, e serve che tutto questo sia fatto in nome di una vocazione al futuro e non al passato. Vocazione al futuro che è sempre stata la matrice storica dei movimenti socialisti e comunisti.

Un’ultima ragione della debolezze della falce e martello, in prospettiva futura, riguarda l’Europa e le prossime elezioni europee. Tutti i partiti della “nuova sinistra europea”, quelli che si sono battuti con successo contro la Costituzione di Giscard d’Estaing, hanno abbandonato i simboli comunisti. Questo vale per il Partito socialista in Olanda che ha preso come simbolo un pomodoro e ha il 20 per cento dei seggi in Parlamento. Vale per “die Linke” in Germania che mette in difficoltà la socialdemocrazia e vale per il Nuovo partito anticapitalista di Besancenot in Francia. E’ possibile che l’Italia sia sempre così diversa da tutti gli altri grandi paesi europei?

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , ,

Papi Silvio e papa Joseph

Di Michele Serra

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/papi-silvio-e-papa-joseph/2081696/1&ref=hpsp

 Nel gennaio 2012, Berlusconi chiederà al Pontefice l’annullamento del suo matrimonio: una palese dimostrazione del suo profondo attaccamento ai valori cattolici Joseph RatzingerSettembre 2011 La terza moglie di Berlusconi, la suonatrice di nacchere Vanita Lopez, con una clamorosa lettera a ‘Repubblica’ rivela tutta la sua amarezza. In due mesi di matrimonio ha visto il marito una sola volta, alle sei di mattina, in piedi accanto al letto, attorniato dalla scorta, che le spiegava di dovere uscire per andare al cinema insieme all’ex autista di Craxi. “Gli ho detto che non gli credevo”, scrive la signora, “perché a quell’ora i cinema sono chiusi. Mi ha risposto che si trattava di un cinema di Tokyo. Solo dai telegiornali della sera ho appreso la verità: si trovava sul lungomare di Rapallo con miss Universo, sua candidata per la presidenza della Regione Liguria. Gli ho telefonato per chiedergli come è possibile che miss Universo,che è bielorussa, governi la Liguria. Mi ha risposto che io sono boliviana eppure mi ha appena nominata rettore della Sapienza. Ha sempre la risposta pronta. Non so più che cosa fare”. Gennaio 2012 Berlusconi chiede al papa l’annullamento del suo matrimonio, per dimostrare il suo profondo attaccamento ai valori cattolici. Il papa glielo concede con la formula del ‘tre per due’: annullando i due primi matrimoni, decade anche il terzo. Per festeggiare, Berlusconi presenta al papa la sua quarta moglie, raccontando, tra le risate delle guardie svizzere, di averla sposata il giorno prima a Las Vegas. Si tratta di una cantante di bossa nova della quale non ricorda il nome. La settimana dopo la signora scrive a ‘Repubblica’ una lettera molto toccante, nella quale rivela di non sapere nulla del matrimonio e di essere felicemente sposata con un narcotrafficante. “Ero in udienza con mio marito in Vaticano”, spiega la donna, “e ho visto un uomo vestito di blu che mi indicava al papa facendo gesti ammiccanti con le mani. Non sapevo che fosse Berlusconi, e soprattutto non potevo immaginare che stesse dicendo al papa che io ero sua moglie”. I portavoce di Berlusconi la smentiscono, spiegando che è stato frainteso: credeva che la signora fosse l’ex autista di Craxi. Maggio 2014 Berlusconi sposa in quinte nozze un bagnino californiano con un matrimonio gay a Malibù. La festa, alla quale partecipa tutta la comunità gay mondiale, è una memorabile orgia con ballerini del Bolscioi, pitoni, oppio ed elefanti, dura tre giorni ed è ripresa dalle televisioni di tutto il mondo. La mattina del quarto giorno Berlusconi dice di essere stato frainteso e annuncia il sesto matrimonio con la classica ragazza della porta accanto. La fortunata è Bamby Cucchiarozzi, sedicenne di Nettuno, che un mese dopo scrive un sms al direttore di ‘Repubblica’ annunciando il divorzio per gravi incomprensioni: Silvio non le aveva detto di avere già una relazione con la madre e la nonna. Novembre 2020 Nella giornata mondiale della Famiglia, il papa riceve in Vaticano Berlusconi che gli rivela di essere ancora vergine e di essere sempre stato frainteso. Aggiunge di avere otto figli naturali, tre dei quali ex autisti di Craxi, di chiamarsi in realtà Gennaro e di essere un transessuale. Di essere un terziario francescano. Una donna bulgara. La reincarnazione di Tamerlano. L’autista di Craxi. Il papa dimostra comprensione e lo addita come esempio preclaro di marito e padre affettuoso, anche se non si capisce bene di chi. L’elettorato cattolico, entusiasta, lo acclama e lo vota in massa. Berlusconi si affaccia, a fianco del papa, in piazza San Pietro, con un frac di raso giallo, e agita il cilindro in segno di saluto. In tutta la piazza, decine di cartelli con la scritta ‘ciao papi’. Marzo 2037 Azionato da un sistema di stantuffi e microchip, Berlusconi si esibisce al G8 nel numero della ‘trivella umana’ appreso in gioventù nei quartieri porno di Amsterdam. In conferenza stampa, ancora nudo, spiega di essere stato frainteso e annuncia il suo ventiduesimo matrimonio con se stesso, appena clonato. I due sposi saranno in bianco. (07 maggio 2009)

Allarme Pd: Cipputi vota a destra

C.R., 04 maggio 2009, 17:47cipputi1

http://www.aprileonline.info/

Flussi elettorali. Il sondaggio Ipsos/Sole 24 Ore sulle intenzioni di voto conferma le tendenze emerse dalle elezioni del 2008 e registrate dalle più autorevoli analisi dei flussi elettorali. Per la prima volta dal 1994 si è verificato un significativo spostamento di consensi da sinistra a destra, che ha riguardato anche i ceti che tradizionalmente hanno sempre sostenuto i partiti di sinistra: “Oltre il 43 per cento dei lavoratori di basso profilo (gli operai-esecutivi) dichiara di voler votare Pdl e quasi il 15 per cento Lega. Solo il 22 per cento preferisce il Pd” (-5,9 per cento rispetto all’aprile 2008)

Gli operai votano a destra. Non è una novità assoluta: il “sorpasso” era già avvenuto alle elezioni dello scorso anno quando per il 31,6 per cento scelsero il Pdl e per il 28,3 il Pd. Ma adesso la situazione – stando almeno all’ultimo sondaggio Ipsos pubblicato dal Sole 24 ore – è diventata drammatica.
Il voto operaio di destra “doppia” infatti quello democratico: 43,4 per cento contro il 22,4.

Dai rilevamenti Ipsos c’è più di un motivo di allarme per il Pd e il centrosinistra. Pdl e Lega supererebbero assieme la soglia del 50 per cento: 40 per il partito del premier, 10,3 per quello di Bossi. Il Partito Democratico si attesterebbe al 26,2 per cento, Di Pietro al 9, l’Udc sale a 6 per cento, mentre il duello nella sinistra radicale vedrebbe avanti Rifondazione-Pdci col 3,5 rispetto al 2,5 di Sinistra e Libertà.

Tra le categorie sociali, il Pd “mantiene” solo gli studenti (33,3 per cento, contro il 31,3 del Pdl) e gli impiegati e insegnanti (29,2 contro il 28,8). Per quanto riguarda il sesso la maggioranza dei suoi elettori sono donne, così come accade – e ancora più marcatamente – per il Pdl. Il partito di Berlusconi è in maggioranza tra le professioni elevate, i lavoratori autonomi (addirittura il 57,2 contro il 15,1), le casalinghe (50 a 20,2) e addirittura tra pensionati (38,7 a 33,4) e disoccupati (39,8 a 19,3).

Il sondaggio Ipsos/Sole 24 Ore sulle intenzioni di voto conferma dunque le tendenze emerse dalle elezioni del 2008 e puntualmente registrate dalle più autorevoli analisi dei flussi elettorali. Per la prima volta dal 1994 si è verificato un significativo spostamento di consensi da sinistra a destra, che ha riguardato anche i ceti che tradizionalmente hanno sempre sostenuto i partiti di sinistra: “Oltre il 43 per cento dei lavoratori di basso profilo (gli operai-esecutivi) dichiara di voler votare Pdl e quasi il 15 per cento Lega.
Solo il 22 per cento preferisce il Pd” (-5,9 per cento rispetto all’aprile 2008).

Sembrerebbe continuare dunque quello spostamento di consensi da sinistra a destra, che interessa anche i settori più deboli della popolazione italiana (operai e disoccupati), individuato da Itanes (Italian National Elections Studies, uno dei più autorevoli istituti di ricerca sui comportamenti elettorali e le opinioni politiche) tra le cause del “ritorno di Berlusconi” e della sconfitta del Pd alle politiche del 2008.

Il rapporto Itanes sui flussi elettorali, pubblicato da “Il Mulino” nel novembre scorso, ha infatti rivelato un fatto del tutto nuovo. Dal 1994 al 2006 – da quando l’Italia è entrata nella cosiddetta “Seconda Repubblica” e le competizioni elettorali sono dominate da due grandi coalizioni (il centrodestra berlusconiano e il centrosinistra ulivista) – le elezioni politiche erano state decise sostanzialmente dagli astensionisti. Di volta in volta, elettori di destra o di sinistra delusi dalle performance della propria coalizione decidevano di fatto, rimanendo a casa, la vittoria dell’altra.

Cos’é accaduto, invece, il 12 e il 13 aprile 2008? Mentre “nel 2006 le due aree politiche che si sono date battaglia con alterne vicende dal 1996 in poi erano alla pari quanto a voti validi, nel 2008 c’è stato un divario di oltre 4 milioni di voti”. Ma il fatto nuovo è che nel 2008, per la prima volta, un numero importante di voti si è spostato da sinistra verso destra (circa il 3 per cento rispetto alle precedenti politiche del 2006). Secondo Itanes, oltre ad un 4 per cento complessivo di elettori del vecchio centrosinistra rifugiatisi nell’astensione, “le formazioni di centrosinistra – scrivono gli autori – accusano un saldo negativo tra i flussi di mobilitazione e smobilitazione pari a circa il 4 per cento dell’elettorato… mentre il Pd perde a favore dei partiti di centrodestra circa il 10 per cento di coloro che avevano votato nel 2006 per l’Ulivo”.
Ciò significa che un 3 per cento abbondante dell’intero elettorato (circa un milione di voti) ha cambiato schieramento, passando dal Pd al PdL+Lega, determinando così la vittoria di questi ultimi.

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Rimini la città più cara in Italia

caro-vita

Rimini è la città dove la vita costa di più che in ogni altra città italiana. A diffondere i dati su una realtà che tutti i cittadini, specie quelli coi redditi più bassi, conoscono da tempo è l’autorevole Sole 24 Ore.
La scelta di realizzare grandi centri commerciali che nelle intenzioni dell’Amministrazione a partire dal 2003 avrebbe dovuto avere un effetto calmierativo dei prezzi si è dimostrata, alla luce di questi dati, del tutto fallimentare. Come se non bastasse questa amministrazione ha deciso di costruire altri centri commerciali che producono attraverso l’istituzione di cartelli sui prezzi un regime a tutto discapito delle famiglie e una occupazione sempre più precaria e dequalificata.
Il modello di sviluppo di questa città va profondamente rinnovato, occorre una rifondazione delle politiche di crescita, cosa che è molto difficile da fare per chi da tanti, troppi, anni detiene un potere che basa il proprio consenso sul consociativismo e sull’arrendevolezza del soggetto pubblico rispetto alle pressioni dei poteri forti economici.
Questo tema, piuttosto che le polemiche interne ai partiti, dovrebbe essere al centro della campagna elettorale, invece si registra la totale assenza dei candidati nell’esprimere una pur deoble proposta o idea.
Occorre che anche a livello locale si creino direttori sui prezzi a cui far partecipare associazioni dei consumatori, dei sindacati e dell’associazionismo sociale in cui i comuni si facciano parte diligente per sostenere patti con i produttori e i commercianti al fine di mantenere stabilità dei prezzi almeno per le categorie a basso reddito.

Contrassegnato da tag , , , ,

Diritto di critica

escher_hands_mid
Escher hands

Vogliamo innanzi tutto esprimere piena condivisione e sostegno alle valutazioni dell’Ordine degli ingegneri in merito ai progetti per il lungomare.
Le loro valutazioni critiche sono le stesse che da tempo cerchiamo di portare avanti  nei confronti delle scelte dell’Amministrazione Comunale.
Le pesanti critiche rivolte all’Ordine degli ingegneri da parte dell’ing.Massimo Totti responsabile del Settore Infrastrutture, Mobilità e Ambiente del Comune di Rimini, ci sembrano inopportune in quanto è bene ricordare come nella deontologia di un pubblico dipendente il compito principale è quello di realizzare gli indirizzi politici dell’ente.
Vogliamo peraltro rimarcare un fatto e cioè che se fino ad oggi ritenevamo che il rifiuto delle critiche riguardasse alcuni amministratori, oggi dobbiamo constatare che questo atteggiamento pervade anche apparati burocratici dell’amministrazione. Un comportamento che va stigmatizzato. A tal proposito ci sentiamo in dovere di esprimere sostegno e apprezzamento nei confronti di tutti coloro – singoli cittadini, enti, ordini, associazioni ecc. – che, nonostante il rifiuto di un confronto aperto e democratico da parte dell’amministrazione, auspichiamo che possano e vogliano continuare  a manifestare la propria opinione pubblicamente, noi, fin da ora, ci impegniamo a tenere aperto un dialogo franco e sereno con tutte le componenti della società riminese.
I progetti di finanza registrano sempre maggiori critiche, principalmente perché sono stati calati dall’alto trascurando qualsiasi processo partecipativo e di coinvolgimento della città e delle sue componenti sociali ed economiche.
Riscontriamo che di fronte alle critiche crescenti per proposte che prevederanno ulteriori colate di di cemento e, fatto ancor più grave, che privatizzeranno una delle parti più pregiate di territorio pubblico registriamo da parte degli amministratori atteggiamenti di crescente chiusura.
A nostro avviso Rimini non necessita di interventi al di fuori di proposte slegate da pianificazione, ma necessita di progetti e programmi che sappiano far riconquistare il ruolo di leadership della nostra città nel turismo e fare di Rimini un esempio di città ecologica.
A Rimini la rendita da tempo ha preso il sopravvento nell’economia cittadina condizionando pesantemente la maggior parte delle imprese caratterizzate da una conduzione familiare e che, pertanto, vivono del proprio lavoro. Di fronte a decisioni imposte dall’alto queste imprese così come l’economia cittadina rischiano di essere colpite duramente ed espulse dal tessuto economico e sociale di cui per decenni hanno costituito uno degli assi portanti, senza che vi sia alcun tipo di vera innovazione.
È nostra ferma intenzione impegnarci per riempire quegli spazi di partecipazione reale trascurati dall’Amministrazione comunale, sostenendo incontri e confronti in un clima di serena riflessione e valutazione su questi progetti con la città e con gli operatori, per questo intendiamo promuovere
iniziative pubbliche su questi temi alle quali cui, fin da ora, riteniamo opportuno e utile invitare sia gli amministratori del Comune di Rimini (assessori e consiglieri) e i tecnici dell’Amministrazione.

I consiglieri comunali: Eugenio Pari, Fabio Pazzaglia, Leandro Coccia, Giorgio Giovagnoli

Contrassegnato da tag , , , ,

Esternalizzazione mensa. Intervento di Pari, Pazzaglia, Coccia, Giovagnoli

‘Il servizio mensa per nidi e materne ha un ruolo educativo non solo mensapratico’. L’intervento dei consiglieri Pari Eugenio, Leandro Coccia, Giovagnoli Giorgio  e Pazzaglia Fabio.

 RIMINI | 02 maggio 2009 | L’intervento dei consiglieri

L’Amministrazione Comunale di Rimini prima di decidere di privatizzare le mense per i bambini dei nidi e delle scuole di infanzia doveva ritenere opportuno ed utile aprire una riflessione anche su eventuali altri i servizi che potevano essere oggetto di una esternalizzazione per avere un quadro complessivo della situazione.
Il servizio mensa per gli asili nidi e le scuole materne non può essere preso in considerazione solo dal punto di vista dell’alimentazione e cioè dei cibi forniti e della loro qualità.
Il servizio mensa svolge anche una funzione educativa, sociale e persino culturale perché è in grado di coinvolgere tutti i soggetti operanti in quelle strutture attraverso un rapporto in cui le diverse funzioni diventano stimoli di conoscenza e di coinvolgimento reciproco. Nessuno è “ideologicamente” contro le privatizzazioni in quanto conveniamo che in alcuni settori esse, non solo sono inevitabili, ma sono anche necessarie perché razionalizzano e rendono più efficienti i servizi ed anche perché dal punto di vista economico producono minor costi e quindi diminuiscono la spesa corrente.
Tanto per intenderci un conto è appaltare all’esterno, per esempio, le busta paga dei dipendenti comunali, oppure la gestione dei servizi cimiteriali, mentre altra cosa è sottrarre alla gestione dell’A.C. un servizio così delicato che ha effetti diretti sulla salute e sulla formazione dei bambini per gli aspetti di cui si diceva precedentemente.
Si può discutere anche attorno alla possibilità di ridimensionare il ruolo diretto del Comune nella gestione di determinati servizi ed anche della sua funzione di organo di controllo ma prima dobbiamo, sempre e comunque, essere in grado di esercitare una vera e propria capacità di controllo.
Mantenere la qualità del servizio senza avere adeguate e sicure forme di controllo è cosa ben difficile. Esistono queste figure attualmente all’interno dell’Amministrazione Comunale ? Esistono all’interno dell’Amministrazione Comunale strutture formate per controllare il rispetto delle norme e la preparazione dei pasti esternalizzati? La delibera che il Consiglio Comunale ha approvato giovedì, con il voto contrario dei firmatari di questo comunicato, è un appalto che supera i 4 milioni di euro, un impegno economico e finanziario quindi consistente. Affidare la gestione di servizi pubblici a privati comporta, a volte, rischi non indifferenti, proprio perché è già accaduto che ad aggiudicarsi i bandi siano state ditte private che sulla carta garantiscono il massimo degli standard qualitativi e al tempo stesso l’offerta economica più vantaggiosa, ma che una volta vinto il bando non sono in grado di mantenere, in buona o cattiva fede, i livelli di qualità promessi.
Prima di decidere di privatizzare le mense l’amministrazione Comunale poteva prendere in considerazione l’eventuale investimento di risorse adeguate in tutte le cucine.
Sembra invece che nel bando saranno incluse le cucine migliori, quelle più dotate di strumentazioni e all’ Amministrazione Comunale rimarranno le più obsolete.
Che il privato debba seguire la logica del profitto o quanto meno di non rimetterci è pacifico, ma il Comune no!
Siamo noi l’Ente deputato alla tutela degli interessi della collettività e non altri. Ci chiediamo come verrà garantita la qualità del servizio se i soggetti privati saranno obbligati in prima istanza a ricavarne profitti a scapito dell’erogazione di un miglior servizio per la collettività.
Alcuni genitori hanno manifestato i loro timori riguardanti la proposta di esternalizzare le cucine in quanto temono che sia l’inizio di un percorso destinato a peggiorare la qualità dell’alimentazione.
Le preoccupazioni riguardano molti aspetti tra i quali la probabile modifica della norma che riguarda la cottura delle pietanze nel senso che i cibi potranno essere cotti con molti giorni di anticipo come è stato proposto in altre città.
Oppure se sarà contemplata la possibilità di scongelare le pietanze col microonde oppure quali saranno le garanzie sull’utilizzo o meno di cibi transgenici.I bambini di fronte a questi scenari futuri riceveranno una sana alimentazione o scivoleranno verso il modello americano del “fast food”? Attorno a queste problematiche i consiglieri di maggioranza dovevano avere la possibilità di discuterne prima che il Consiglio Comunale approvasse la privatizzazione delle mense per i nidi e per gli asili.
Ciò non è avvenuto poiché nell’arco di una decina di giorni la delibera è passata in Commissione e poi in Consiglio Comunale.
Un’ urgenza che non si giustifica in nessun modo perché non ci sono scadenze di legge vincolanti.
Nella seduta di giovedì del Consiglio Comunale abbiamo chiesto il rinvio della delibera per un confronto e una riflessione all’interno della maggioranza.
Nonostante la richiesta fosse stata avanzata da consiglieri di maggioranza ed altri consiglieri di maggioranza avevano manifestato forti perplessità e malcontento perché non avevano avuto la possibilità di discutere l’oggetto, la giunta non ha accettato nessuna mediazione non tenendo conto delle proteste dei sindacati, dei lavoratori e dei genitori.
E questo per una maggioranza di centro sinistra non è certamente un comportamento che va a suo merito.Per tutte queste ragioni abbiamo votato contro la privatizzazione delle mense nei nidi e negli asili del Comune di Rimini.

Contrassegnato da tag , , , , ,